07 giugno 2022
TIM CONVOCA IN VIDEOCONFERENZA IL COORDINAMENTO NAZIONALE RSU E LE O.S.

con ordine del giorno:
â–ª
uscita per vecchiaia ex art. 4, commi 1, 7ter della legge n. 92/2012


19:15

testo accordo


17:00
L' azienda NON ha recepito nessuna delle 3 proposte di modifica avanzate da Snater ( vedi notizie dal fronte 4)
Snater NON ha sottoscritto l'accordo stesso, che e' stato 🖋🖋🖋 da cgilcisluilugl & loro RSU
(Snater)


16:45
L'accordo è stato approvato dalla maggioranza del Coordinamento.
L'incontro odierno termina quindi in questo momento, seguiranno documenti ufficiali, comunicati, sintesi.
(Fistel-Cisl)


16:40
L'azienda ha prodotto un nuovo testo di accordo recependo qualche suggerimento della delegazione sindacale.
Il documento finale è ora in fase di votazione.
(Fistel-Cisl)


16:15
L'azienda si ritira temporaneamente per valutare le proposte di modifica al testo richieste dalla parte sindacale.
(Fistel-Cisl)


16:00
Inizia seconda parte dell'incontro.

Snater precisa che sarebbe disponibile a firmare l'accordo per agevolare l'uscita anticipata dei lavoratori se verranno prese in considerazioni le seguenti modifiche:

1) L'accesso all'esodo deve essere consentito a tutti i dipendenti in egual modo, ovvero a tutti i dipendenti che maturino i requisiti per la pensione di vecchiaia entro il 31 dicembre 2028.

2) Deve essere allungata la finestra per i lavoratori affetti da gravi patologie.

3) I costi delle uscite volontarie dei lavoratori NON DOVRANNO INCIDERE NEL CALCOLO DEL PROSSIMO PDR.
(Snater)


15:45
L'incontro riprende in plenaria.
Si parte con gli interventi sindacali finalizzati ad esporre a Tim i dubbi, le perplessità, le necessità di chiarimento e le eventuali richieste di modifica al testo emersi a seguito dell'analisi approfondita della bozza di accordo che ogni delegazione ha da poco terminato di espletare.
(Fistel-Cisl)


15:00

Intervento Snater


13:15
L'azienda ha prodotto un ipotesi d'accordo.

Snater é intervenuto ribadendo:

*1) la possibilitá di allungare la finestra per i lavoratori affetti da gravi patologie*

*2) unificare alla parità di trattamento a 6 anni anche per il settore rete (altrimenti 5anni)*

*3) i costi delle uscite volontarie NON devono incidere sul calcolo del PdR (cioè non vanno considerati come ONERI NON RICORRENTI)*
Ora pausa fino 14.45
(Snater)


12.45
Terminata la serie degli interventi sindacali riprende la parola l'azienda per alcune puntualizzazioni.
Non risponderemo alle questioni che avete posto legate al piano industriale ed alla riorganizzazione del Gruppo, ne riparleremo dopo il 7 luglio, oggi come detto in premessa vogliamo rimanere nel merito dell'o.d.g..
Abbiamo deciso di dare delle priorità ed un ordine alle questioni, di qui la scelta di proporre uscite solo per chi è più vicino alla pensione di vecchiaia.
La distinzione per figure professionali o reparti nasce dall'esigenza di non svuotare istantaneamente alcuni contenitori generando problemi rispetto alla gestione delle attività lavorative.
Proveremo ora a ragionare sulla possibilità di inserire o meno la clausola inerente eventuali casistiche legate a gravi situazioni di salute.
La discussione prosegue
(Fistel-Cisl)


12:00
interventi Snater:

dopo un esame di quanto alcune scelte aziendali hanno penalizzato nel tempo i salari dei lavoratori ( ad esempio mancato PdR) puntualizziamo quanto segue:

*1) Le uscite ( volontarie) dovrebbero essere legate anche al raggiungimento dei requisiti contributivi e non solo al raggiungimento dell'eta' anagrafica.*

*2) NO alla divisione fra lavoratori di rete ( 5 anni di scivolo) ed il resto dei lavoratori (6 anni di scivolo) per le uscite !*
*Per Snater tutti dovrebbero poter usufruire dei 6 anni*

*3) occorre che questo accordo NON ricada sui lavoratori che rimarranno in azienda*

Ribadiamo che i lavoratori che restano hanno bisogno di certezze come il posto di lavoro, uno stipendio sicuro e dignitoso, il PdR, il pagamento dei ristori e una- tantum per tutti i colleghi che in questi 2 anni hanno garantito la continuita' del servizio anche con grossi sacrifici personali.
(Snater)


11:20
Primo giro di interventi sindacali.
Giorgio Serao, Segreteria Nazionale FISTEL-CISL: abbiamo raccolto l'invito a partecipare a quest'incontro pur tenuto conto del contesto delicato e preoccupante complessivo e del futuro davvero incerto del Gruppo Tim su cui, forse, si capirà di più il 7 luglio prossimo.
Situazione generale che, assieme ad altre motivazioni, ci ha portato a dichiarare lo sciopero generale unitario del 21 giugno p.v. per l'intera giornata e per tutte le lavoratrici e per tutti i lavoratori del Gruppo.
Qualche giorno fa abbiamo avuto un'audizione parlamentare in cui tutte le forze politiche si sono espresse a favore dello smembramento di Tim. Quindi, non ci aspettiamo più interventi esterni che possano aiutarci a risolvere la situazione ed a garantire i perimetri occupazionali.
Perciò tutto, come spesso accade, è rimandato alla responsabilità sindacale: dovremo difendere le persone, i posti di lavoro, il lavoro e provare a gestire i processi che possano garantire il futuro alle aziende ed ai loro lavoratori.
Ed aiutare le persone più vicine alla pensione ad uscire anticipatamente e volontariamente dal mondo del lavoro è un tema che rientra in questi processi.
Ci auguriamo che tutte le 1200 aliquote vengano utilizzate, anche per snellire l'organico magari in ottica di quel remix professionale di cui c'è sempre bisogno per dare respiro, continuità e futuro alle aziende.
Rimane da capire come mai orientate la proposta solo verso i lavoratori più vicini alla pensione di vecchiaia e non anche a quelli vicini alla pensione anticipata come in passato.
(Fistel-Cisl)


11:15
Azienda ha convocato l'incontro per proporre l'utilizzo dell'ex.art.4 ( legge Fornero) anche in continuità con quanto previsto nel 2021.
L'AZIENDA PROPONE SOLO PENSIONI di VECCHIAIA ( eta' anagrafica)
differenziata in base alle figure professionali in azienda:
- open access (tecnici on field, coordinatori e progettisti) per chi raggiunge il requisito dell' eta' al 31 dic 2027
- restante personale per chi raggiunge il requisito dell'eta' entro il 31 dic 2028
previste 1200 uscite
tutte per settembre 2022 (salvo casi eccezionali)
(Snater)


11:00
Inizia l'incontro.
Per Tim prende la parola il Dott. Fraioli che entra subito nel merito dell'ordine del giorno: uscite volontarie per vecchiaia ex art. 4 Legge Fornero, strumento che va in continuità con gli impegni già presi negli anni scorsi.
L'azienda chiede alla delegazione sindacale di rimanere specificatamente sul tema per provare in giornata, se possibile e se ci sarà condivisione sul tema, a sottoscrivere un accordo per consentire alle persone di uscire già nell'anno in corso.
Lo strumento, noto come Isopensione, prevede il versamento di un assegno mensile sino al raggiungimento della pensione, prevedendo anche la completa copertura dei contributi per tutto il periodo necessario.
Tim, sempre nel solco della strada già tracciata, anticiperà all'incirca 5 anni max di copertura.
La proposta aziendale di oggi è, a differenza del passato, aperta solo ai colleghi più vicini al raggiungimento della pensione di VECCHIAIA (negli anni scorsi invece la possibilità era data a chi era più vicino a qualsiasi soglia pensionistica, anticipata etc.).
Tenuto conto di questa premessa fondamentale, la precedenza sarà data ai TOF, ai PROGETTISTI ed alle loro rispettive figure di coordinamento che raggiungano il requisito utile alla pensione di vecchiaia entro il 31 dicembre 2027.
Successivamente ai lavoratori di tutti gli altri reparti che raggiungano il requisito entro il 31 dicembre 2028.
Le manifestazioni d'interesse saranno raccolte entro giugno.
Le uscite, per una aliquota massima di 1200 PERSONE, saranno sostanzialmente tutte previste tra settembre e novembre 2022.
(Fistel-Cisl)