21 maggio 2020
TIM CONVOCA IN VIDEOCONFERENZA IL COORDINAMENTO NAZIONALE RSU E LE O.S.

Ordine del giorno:
- introduzione ed evoluzione sistemi informatici (caratteristiche e tutele):
Videosorveglianza


18:00
Si è appena concluso l'incontro nazionale di coordinamento in modalità videoconferenza con TIM con all'ordine del giorno l'introduzione ed evoluzione dei sistemi informatici di videosorveglianza per la tutela del patrimonio aziendale contro attivi vandalici e furti agli asset che assicurano l'erogazione dei servizi forniti a supporto delle attività strategiche per la sicurezza nazionale e al servizio universale (servizi di telefonia e di accesso a Internet tramite rete fissa).
TIM ha individuato 5 classi di rischio in cui raggruppare le sedi e le infrastrutture aziendali (14.543 immobili): 308 siti strategici di I classe (della massima importanza); 319 siti di II classe; 591 siti di III classe; 1.600 siti di IV classe; 11.725 siti di V classe con l'attuazione della videosorveglianza in 7 raggruppamenti: data center; negozi sociali; permutatori di centrale; sedi direzionali; sistemi trasmissivi mobili di telecomunicazioni; SRB; altre sedi ad uso ufficio, centrali e infrastrutture.
Per il Sindacato, dopo un confronto iniziato il primo ottobre 2019, l'obiettivo raggiunto con la sottoscrizione dell'accordo odierno è stato quello di escludere qualsiasi finalità di controllo individuale al fine di evitare sanzioni disciplinari, evitare il trasferimento delle immagini su memorie portatili (usb, cdrom ecc.) salvo richieste dell'Autorità Giudiziaria, delimitare le "possibilità" introdotte dai recenti provvedimenti legislativi in tema di privacy, limitando la visualizzazione delle immagini in tempo reale solo a "gravi" casiste predefinite ed evitando l'utilizzo di telecamere mobili e andando a ricondurre in un unico accordo tutto il tema della videosorveglianza.
L'accordo sarà soggetto a verifica sia a livello nazionale che territoriale per la tutela complessiva dei siti aziendali e soprattutto per i lavoratori che vi operano.
(Fistel-Cisl)


17:00
Intervento Snater.
Snater è contrario al metodo di voto che non riconosce valido, (per mail anziché a chiamata nominale), pertanto Le Rsu Snater non voteranno.
Ribadiamo comunque il nostro NO per i motivi già espressi nell'intervento in apertura.
Per Snater, in questo accordo, non ci sono sufficienti salvaguardie per il controllo e la privacy dei lavoratori.
Le rsu di cgilcisluilugl hanno votato a favore.
L'accordo è esigibile
THE END
(Snater)


16:45
Il testo definitivo è in fase di lettura e votazione.
(Fistel-Cisl)


13:00
La delegazione sindacale ha esposto alla Direzione Nazionale Tim le richieste di modifica ed integrazione al testo di bozza dell'accordo sulla videosorveglianza.
Ora l'azienda si ritira sino alle 15:30 per le opportune valutazioni e per la predisposizione di un nuovo testo da portare in discussione.
(Fistel-Cisl)


12:30
Ora il testo della bozza di accordo viene inviato a tutti i componenti del coordinamento nazionale rsu per l'analisi, l'approfondimento, la discussione e le verifiche del caso a livello di Federazione, prima di riprendere ancora in plenaria alle ore 13:00.
(Fistel-Cisl)


12:20
L'azienda ha richiesto la firma di un accordo sulla videosorveglianza.
L'azienda vuole applicare quanto segue:
*nuova classificazione delle sedi in base ai rischi
*aumento dei tempi di conservazione dei dati registrati
*ampliamento delle sedi videosorvegliate
*Osservazioni SNATER:
RICORDIAMO A TUTTI CHE la sentenza di Cassazione (1490/1986) riporta quanto segue:
"DEVE ESSERE PREVENTIVAMENTE AUTORIZZATA DA UNO SPECIFICO ACCORDO CON LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI (o da un provvedimento all'Ispettorato del lavoro), la installazione di una telecamera diretta verso il luogo di lavoro dei propri dipendenti o su spazi dove essi hanno accesso anche occasionale"
PER QUESTE MOTIVAZIONI, SNATER È CONTRARIO ALLA FIRMA DELL' ACCORDO.
(Snater)


12:00
In corso discussione con chiarimenti sulla parte tecnica inerente l'installazione delle telecamere, le modalità di inquadratura, la registrazione ed il salvataggio di immagini etc.
(Fistel-Cisl)


11:45
Primo giro di osservazioni del tavolo sindacale.
Per la FISTEL-CISL nazionale, Matteo Corradini: argomento già discusso, sul quale in passato abbiamo già fatto accordi.
Ora vogliamo normare un qualcosa di più completo anche alla luce di tecnologie e norme che si sono evolute negli anni, che riguardi la gestione e la tutela del patrimonio aziendale, pensando alla salvaguardia degli immobili ma anche alla sicurezza dei lavoratori.
Disponibili a proseguire la discussione in maniera concreta.
(Fistel-Cisl)


11:30
E' iniziata la riunione del Coordinamento Nazionale Rsu.
Per Tim prende la parola il Dott. Pelliccia Massimo: riprendiamo tema Videosorveglianza, vogliamo uniformare sistemi, processi e tecnologie sotto un unico accordo, che possa inglobare anche tutti gli accordi, anche territoriali, che erano stati sottoscritti in passato in materia.
Nel corso degli anni la disciplina su questi temi è mutata ed anche i processi autorizzativi sono stati semplificati.
Abbiamo la necessità di continuare a garantire la sicurezza dei nostri sistemi, impianti e sedi, anche attraverso un unico testo che possa tenere assieme tutto e che possa, in modo equilibrato, tener conto sia delle indicazioni dei garanti della privacy, sia delle indicazioni di legge, sia delle indicazioni della delegazione sindacale emerse nei precedenti incontri.
(Fistel-Cisl)