11 dicembre 2020
TIM CONVOCA IN VIDEOCONFERENZA IL COORDINAMENTO NAZIONALE RSU E LE O.S.

Ordine del giorno:
- Accordo Lavoro Agile del 4 agosto 2020 - revisioni
- Calendario chiusure collettive 2021 (accordo 9 gennaio 2019)


17.50
ci saranno due modalita' di lavoro agile
1) 4 gg. casa -1 in sede ( quale?)
2) 3 settimane a casa - 1 settimana in sede ( quale?)

non a scelta del lavoratore - decidera' l'azienda

le sedi interessate dalle nuove modalita' di L.A. dal 1.2.2021 sono Roma, Milano, Bari, Torino, Napoli, Palermo le altre il mese dopo.
(Snater)


17:30
Tim comunica ora, secondo quanto previsto dall'Accordo su ferie e permessi del gennaio 2019, le giornate di CHIUSURA COLLETTIVA per i reparti non operativi previste per l'anno 2021:
- Dal 9 al 15 agosto
- Ulteriori giorni: 26 aprile, 30 aprile, 1 giugno, 24 e 27 dicembre.
(Fistel-Cisl)


17:10
*INTERVENTO SNATER*
1. E' possibile conoscere la sede di lavoro prima di decidere se aderire o meno al L.A.????
*L'azienda NON è in grado di fornire indicazioni della sede di lavoro*

2. Se i lavoratori sceglieranno di non aderire al L.A., avranno una postazione fissa e quindi non sarà necessario per loro prenotare la scrivania, tramite piattaforma aziendale?
*L'azienda ha risposto che anche se non si aderisce al L.A. il lavoratore dovrà comunque prenotarsi la postazione nelle sede assegnata*

3. I lavoratori che non aderiscono al lavoro agile potranno successivamente aderirvi?
*Non previsto*

4. Abbiamo chiesto nuovamente una bozza di contratto individuale che l'azienda spedirà a breve ai lavoratori che vogliano aderire al L.A.
*L'azienda non lo ha fornito, verrà recapitato direttamente ai lavoratori entro il 31 dicembre 2020 e i lavoratori dovranno fornire adesione e firma entro la prima decade di gennaio 2021*

*Circa al mancato contributo aziendale x le spese sostenute da chi lavora dalla propria abitazione,*
*NON SI E' REGISTRATA ALCUNA APERTURA*
( pensate alle spese energetiche e di riscaldamento)!!

*Nessuna apertura sull UNA TANTUM !!!*
————
*L' accordo e' stato* *approvato dalla* *maggioranza delle Rsu*
*lo Snater NON lo ha votato*
(Snater)


17:00
Sottoscritto ora dalla maggioranza del Coordinamento Nazionale Rsu (57 favorevoli) un Accordo sul Lavoro Agile attraverso cui si realizza una fase INTERMEDIA che precederà l'avvio definitivo della fase SPERIMENTALE già definita e confermata con l'intesa del 4 agosto 2020.
Questi, in sintesi, i punti salienti:
Successivamente al termine dello stato di emergenza sanitaria nazionale (ad oggi, salvo ulteriori proroghe di legge, fissato al 31 gennaio 2021) e fino al termine di applicazione dei Protocolli Covid, per il personale abilitato al lavoro agile (oggi a casa per 5gg/settimana) saranno previste 2 modalità diverse di svolgimento della prestazione lavorativa, a seconda delle peculiarità del settore di appartenenza:
1) su base settimanale: 1 giorno in sede aziendale + 4 giorni da casa;
2) su base mensile: 75% da casa + 25% in sede aziendale (ad esempio 3 settimane a casa + 1 settimana in sede) negli ambiti organizzativi nei quali le attività svolte sono etero organizzate ed è indispensabile garantire il presidio in specifici archi orari.
Sarà prioritariamente interessato il personale operante presso le sedi delle 6 città interessate dal progetto desk sharing e già approntate/in ultimazione (Roma, Milano, Torino, Bari, Napoli, Palermo) con successiva estensione graduale su tutte le altre sedi.
Entro il 31 dicembre 2020 partirà la campagna (che sarà aperta all'incirca sino alla prima decade di gennaio) per la sottoscrizione volontaria individuale relativa a questo regime transitorio e, contestualmente, al regime sperimentale pattuito con l'accordo del 4 agosto u.s..
Nel caso in cui il lavoratore deciderà di non sottoscrivere l'accordo individuale sul lavoro agile, al termine dello stato di emergenza sanitaria e della disciplina semplificata del lavoro agile, presterà la propria opera sempre presso sede aziendale.
La fase sperimentale del lavoro agile, sottoscritta il 4 agosto 2020, che prevede altrettante 2 modalità distinte di applicazione (3gg in sede + 2gg casa/settimana oppure 50% in sede + 50% da casa su base mensile) diverrà poi operativa nel momento in cui termineranno sia l'emergenza sanitaria nazionale che l'obbligo di applicazione dei protocolli Covid.
(Fistel-Cisl)


14:40
INTERVENTO SNATER:
Il 4.8.2020 CGIL/CISL/UIL/UGL/COBAS hanno sottoscritto l'accordo del Lavoro Agile.
In quella stessa nottata dell'accordo, SNATER aveva chiesto:
* quali sarebbero state le sedi chiuse
*che fine avrebbero fatto i colleghi delle sedi chiuse
*che venisse fornita una copia dell' accordo individuale che il lavoratore avrebbe dovuto sottoscrivere x continuare il lavoro da casa.
Solo richieste dettate dalla prudenza... ma purtroppo rimaste lettera morta in quanto non sostenute dalle altre Rsu!
CHE DIRE POI DEGLI ONERI LEGATI ALLA PRESTAZIONE DA CASA?
A NOSTRO AVVISO DOVREBBERO ESSERE A CARICO DEL DATORE DI LAVORO:
luce, gas. acqua, affitto postazione ecc..
SU QUESTI TEMI COSI IMPORTANTI X LA VITA DI TUTTI I GIORNI DEI COLLEGHI, DOBBIAMO REGISTRARE ANCORA UNA VOLTA LA MANCANZA DELL'APPOGGIO DELLE ALTRE RSU!!
PERSINO IN MERITO ALLA UNA TANTUM DA NOI NUOVAMENTE RIVENDICATA PER I LAVORATORI, IL SOSTEGNO DELLE ALTRE RSU... NON PERVENUTO!!!
Le notizie di questi giorni dimostrano che molte aziende (medie e grandi) hanno erogato UNA TANTUM a riconoscimento dei sacrifici dei lavoratori operanti nel periodo del Covid.
SNATER È COMUNQUE ORGOGLIOSA di CONTINUARE A PORTARE AVANTI LE RICHIESTE SOSTENUTE DAI LAVORATORI CHE RAPPRESENTIAMO
Incontro sospeso, riprenderà più tardi
(Snater)


13:40
Terminato il corposo giro di interventi della delegazione sindacale che hanno sollecitato l'azienda anche sui molti temi che sono correlati al lavoro agile: Piano Spazi, salute e sicurezza, dotazioni tecnologiche ed ergonomiche adeguate, fruizione permessi, etc..
Parola ora alla dott.ssa Bellezza di Tim per la replica: ci stiamo preparando a rientrare in sede anche se, purtroppo, la data viene sempre posticipata causa dpcm e pandemia recrudescente.
Al momento della fine dell'emergenza sanitaria nazionale (ipoteticamente quindi dal 1 febbraio p.v.?), fatta salva la volontarietà del lavoratore, anziché partire subito con il modello di lavoro agile sperimentale (3gg ufficio + 2gg casa o settimana alternata per i customer), proponiamo un modello "ponte/transitorio" per rientrare gradualmente, basato sul 4gg casa+1 in ufficio e su 3 settimane a casa ed 1 settimana in ufficio per i customer.
Questo fin tanto che, anche dal punto di vista della socialità, esisteranno ancora vincoli di distanziamento sociale e adozione di misure preventive sanitarie.
Sempre dal 1 febbraio 2021 (salvo proroghe Dpcm) riapriremo le grandi sedi ristrutturate nelle grandi città e, orientativamente nell'arco di un ulteriore mese, riapriremo anche tutte le altri sedi Tim in Italia.
Contributo energia elettrica: ci stiamo lavorando anche se è meno semplice di quanto ci aspettavamo.
Permessi a recupero: recupero attualmente possibile per chi è turnista, ha la timbratura in postazione e la barra telefonica.
Abbiamo comunque applicato una norma di salvaguardia per tutti, con recupero di eventuali permessi fruiti previsto entro il 30 giugno 2021.
Se ci sarà la necessità prorogheremo tale data.
In ogni caso non si saranno ricadute sulle competenze dei lavoratori.
(Fistel-Cisl)


12.45
INTERVENTO SNATER:
La grave crisi dovuta alla pandemia ha amplificato le differenze tra categorie e categorie, tra lavoratori e dirigenti.

C'E' BISOGNO DI UNA REDISTRIBUZIONE DEL REDDITO CHE CERCHI DI RIPARTIRE LA RICCHEZZA TRA I SOGGETTI CHE HANNO CONTRIBUITO A CONSEGUIRLA.

In Tim all'inizio della pandemia si sono verificati due fatti importanti che hanno consentito la continuità del servizio, in particolare:
1) I TECNICI HANNO CONTINUATO A PRESTARE IL LORO LAVORO ANCHE IN CONDIZIONI MOLTO DIFFICILI, GARANTENDO IL SERVIZIO.
2) TUTTI GLI ALTRI REPARTI HANNO LAVORATO DALLA PROPRIA ABITAZIONE FORNENDO TUTTI I SERVIZI RICHIESTI.

QUESTE AZIONI HANNO VISTO ANCHE UN CONSISTENTE AUMENTO DELLA PRODUTTIVITA'.

ANCHE PER QUESTO INSISTIAMO CON LE NOSTRE RIVENDICAZIONI:
1) R I S T O R O DI UNA TANTUM DI 1.500 EURO A TUTTI I LAVORATORI CHE HANNO LAVORATO DURANTE LA PANDEMIA
- i tecnici per i sacrifici giornalieri…
- tutto il resto dei lavoratori che hanno offerto le loro case e non solo, per il lavoro domiciliare, sobbarcandosi tutti i costi!!
2) RIAPERTURA DEL CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE PER QUANTO RIGUARDA I PASSAGGI DAL 4 AL 5 LIVELLO E DAL 5 AL 6 LIVELLO
3) RIAPERTURA DEL CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO, PER QUANTO RIGUARDA I PASSAGGI DA PART-TIME A FULL-TIME.
4) Riapertura trattative sulle modalità e le tempistiche del lavoro da casa.

A sostegno della nostra tesi ricordiamo che l'azienda ha conseguito "ULTERIORI RILEVANTI RISPARMI" attraverso la CHIUSURA delle sedi aziendali abituali. (alcune neanche riapriranno più)!

E NON CI SI VENGA A DIRE CHE NON SI POSSONO MODIFICARE GLI ACCORDI DI SECONDO LIVELLO… BASTA VOLERLO… E' GIA' ACCADUTO PER I BUONI PASTO: NELL'ACCORDO DI SECONDO LIVELLO NON VENIVANO EROGATI A CHI NON LAVORAVA IN SEDE… CON IL NUOVO ACCORDO SULLO SMART WORKING SONO STATI RIPRISTINATI… o anche la revisione delle ferie, ef e accorpamento solidarietà!

*QUINDI, A NOSTRO AVVISO, CI SONO TUTTE LE CONDIZIONI PER UNA VERA TRATTATIVA CHE ENTRI NEL MERITO DELLE NOSTRE PROPOSTE,
PROPRIO PER QUESTO CHIEDIAMO LA CONDIVISIONE E IL SOSTEGNO DELLE RSU DELLE ALTRE ORGANIZZAZIONI !!!
(Snater)


11:45
L'azienda propone un ulteriore accordo transitorio:
UNA giornata di rientro in sede
e 4 da casa"......dal 1.2.2021
??!!?!?!?
INTERVENTO SNATER
Ricordiamo che gli accordi sono stati firmati la mattina del 5 agosto IN TUTTA FRETTA, accordi nati gia' morti come il Lavoro Agile transitorio ...
Per quanto riguarda la ristrutturazioni delle sedi è da maggio che Snater sta chiedendo la messa a norma (sia quelle previste nei piani spazi e anche tutte le altre), fin quando il piano di Palazzo (che prevede i rientri in sicurezza) non verrà presentato agli RLS (responsabili lavoratori della sicurezza)... i lavoratori non potranno rientrare nelle sedi...
(Snater)


ore 11:10
Prime considerazioni della delegazione sindacale a seguito della premessa aziendale.
Per la FISTEL-CISL nazionale, Matteo Corradini: Lavoro Agile è un accordo nel quale crediamo in particolar modo ed apprezzato da molte persone di Tim.
La questione epidemiologica è ancora grave ed al momento pare impensabile che si evolva positivamente in tempi rapidi.
Per cui ci sta il discorso di rientro graduale quando l'emergenza sanitaria nazionale terminerà, non sappiamo se dal 1 febbraio prossimo o se il governo prorogherà ancora.
Bisogna poi capire se il modello 4+1 verrà applicato a tutto il personale o se pensate di fare ancora distinzione tra settori con turnistiche ed altri no.
Bisogna affrontare anche le questioni legate alla possibilità per i lavoratori di usufruire di permessi a recupero e ritardi anche da casa e, altro tema fondamentale, affrontare la questione delle spese legate al consumo di energia elettrica nelle case dei colleghi, quindi convenzioni specifiche o alternative valide.
Per andare avanti nel ragionamento abbiamo bisogno di risposte su questi temi importanti.
(Fistel-Cisl)


ore 11:00
Per Tim prende la parola la Dott.ssa Bellezza:
Confermiamo modello organizzativo con Lavoro Agile sottoscritto il 4 agosto scorso, con la parte sperimentale che avrebbe dovuto partire dal 1 gennaio 2021 con il cosiddetto modello 3+2 (3gg in ufficio + 2gg a casa) ma lo stato di emergenza sanitaria nazionale prorogato per ora sino al 31 gennaio 2021 impone riflessioni su come affrontare una fase "transitoria" che andrà dal termine dell'emergenza sino al rientro a regime nelle sedi.
Serve una fase d'inserimento, tenuto conto di una doverosa cautela dal punto di vista sanitario, di un ritorno graduale alla socialità ed ai rientri nelle sedi; sedi dove devono terminare i lavori di ristrutturazione (27 grandi sedi in Italia) e sedi dove i lavori devono ancora iniziare (sui territori), adeguamenti, ristrutturazioni piuttosto che pulizie complete.
Come azienda proponiamo quindi, per quella fase, un modello di lavoro agile di 4 gg a casa + 1 gg in ufficio (a settimana) che ci traguarderà per qualche mese verso la fase sperimentale a regime (3+2).
(Fistel-Cisl)