TIM CONVOCA IL COORDINAMENTO NAZIONALE RSU E LE O.S.
Ordine del giorno:
- secondo livello di contrattazione


22:00
INFO TIM SLC CGIL NAZIONALE.
In data odierna (mercoledì 15 maggio) si è tenuto in Tim un incontro sindacale nazionale.
In mattinata è stata presentata la riorganizzazione del più generale settore di, Risorse umane (HR): ne risulta sulla carta una centralità delle Relazioni industriali, nel processo di radicale cambiamento delle condizioni organizzative, produttive e competitive dell'azienda, una semplificazione della configurazione organizzativa di TIM, una ricomposizione dei processi e delle attività.
La trasformazione digitale richiede un radicale cambiamento della cultura aziendale, un veloce adeguamento delle competenze, una valorizzazione delle risorse umane, sostenuti da processi di riqualificazione professionale e di formazione, su principi di efficacia generalizzata ed inclusività, anche per operare internalizzazioni socialmente responsabili.
Slc-CGIL ha posto subito l'accento sulla necessità di percorsi di cambiamento vero, urgente, il cambio tecnologico oramai in atto, sta di fatto già oggi determinando la obbligatorietà di internalizzare e di cambiare per l'effettivo costante calo di lavoro sia in rete che nel commerciale, ma con una chiara visione industriale che causa il mancato ricambio generazionale saltato per ben due volte, determina che non tutti i mestieri saranno internalizzabili, a partire dalle consulenze.
Sapendo che questa operazione non sarà facilmente realizzabile, per tutta una serie di resistenze che si incontreranno, dovute alle esperienze passate e recenti, che mai spiegavano all'elemento più importante dell'azienda ( le persone) il senso delle richieste di cambiamento.
Per SLC-CGIL si dovrà partire da una mappatura delle competenze e conoscenze, perché si incontrino (debitamente accompagnate) coi fabbisogni professionali aziendali, che siano il più possibile volontari (tramite il potenziamento del job posting) e che non escludano a priori i settori operativi, il tutto frutto di una situazione oramai non più rinviabile.
Nel pomeriggio, dopo le sollecitazioni giunte dal sindacato confederale nell'incontro precedente, Tim ha dichiarato che riconosce l'opportunità di erogare una una tantum in luogo del mancato raggiungimento degli obbiettivi sul pdr, importi e tempistiche saranno definiti nel prosieguo della trattativa del contratto aziendale.
Quanto alle uscite per isopensionamento, l'Azienda ha ricordato tempi e quantità delle uscite, sono state presentate 4995 manifestazioni di interesse per Art.4 legge Fornero, 4088 hanno i requisiti per la manovra biennale (dati validi ad oggi).
Gravi Patologie: i professionisti esterni incaricati dello screening hanno ricevuto 377 domande.
Per motivi di privacy HR non ha avuto nessuna informazione: 188 sono i feedback positivi.
Di questi 188, ad oggi potranno uscire a giugno solo 114 persone, perché 44 hanno malattia ma non i requisiti di decorrenza previsti dagli accordi.
Altre 27 posizioni ad oggi non sono certificate dall'INPS e non si sa se saranno in grado di certificarle in tempo, il processo in corso, vede ad oggi circa 900 certificazioni dall'INPS, con date di pensionamento. messe a disposizione dei gestori che stanno contattando le persone, con il criterio di precedenza (esclusi i 114 con gravi patologie che usciranno per primi) a quanti sono più prossimi alla maturazione dei requisiti pensionistici.
Quindi, TIM ha presentato la sua proposta di recupero del contratto aziendale, in tema di orario di lavoro: la posizione aziendale è ancora lontana dalla piattaforma rivendicativa sindacale, ma la trattativa è ancora tutta da farsi.
Su tutti i temi qui brevemente trattati verranno diffuse per opportuna conoscenza le slides proiettate.
La giornata ci consegna una situazione a doppia lettura, da un lato Tim apre sul tema una tantum sostitutiva del Pdr, sulla necessità di compiere internalizzazioni vere e necessarie, la manovra di accentramento verso la gestione HR, fa intravedere il tentativo di riprendere un vero controllo dell'azienda, per troppo tempo (ad oggi lo è ancora) decisamente nelle mani delle linee operative, con risultati non proprio industrialmente di successo, se non addirittura a tratti anche con risvolti drammatici, dei quali ancora oggi i lavoratori ne pagano le conseguenze, vedesi come esempio su tutti i lavoratori del reparto Asa, sottoposti tutt'ora a turni unilaterali pesanti in termini di giorni ed orario, figli di una gestione opaca sottoposta a verifica e sanzione da parte del regolatore.
Per Tim continua ad essere valido il titolo "ultima chiamata per il futuro", non c'è più tempo per giocare (se mai c'è ne stato), c'è solo il tempo del fare, al quale questa azienda nel suo ventennale declino, non è più abituata.
(Slc-Cgil)


18:30
INTERVENTO SNATER:
"alla luce del dichiarato cambio di direzione delle relazioni industriali, improntato dell'attenzione collettiva individuale delle persone, riteniamo che siano rimaste in sospeso 2 questioni importanti:
*rivisitazione turni ASA E OPEN ACCESS introdotti unilateralmente dall'azienda, che impattano pesantemente sui lavoratori
*smart working: allargamento dei giorni, delle sedi, della platea di lavoratori e fornitura delle dotazioni.

SNATER ribadisce che devono essere trattati prioritariamente turni Asa, OpenAccess e Smart Working prima degli altri temi del II livello.
L'incontro si chiude con prosecuzione calendarizzata per il 19 o 20 giugno
presentate alcune slide di proposte aziendali

INTERVENTO SNATER:
- dopo la ririchiesta di una "una tantum" che sani la mancata erogazione del premio di risultato e
*alla luce del dichiarato cambio di direzione delle relazioni industriali, riteniamo che siano rimaste in sospeso pregiudizialmente
2 questioni importanti:*
*rivisitazione turni ASA E OPEN ACCESS introdotti unilateralmente dall'azienda, che impattano pesantemente sui lavoratori
*smart working: allargamento dei giorni, delle sedi, della platea di lavoratori e fornitura delle dotazioni.
incontro concluso con aggiornamento al 19 e 20 giugno DOPO LE ELEZIONI!!!!!
(Snater)


SINTESI delle PROPOSTE AZIENDALI su alcuni temi di secondo livello
seguirà comunicato nazionale e slide

Orario di lavoro
38 ore 10 minuti effettivi (in assenza di turnazione stabile), incluso il servizio 12;
37 ore 40 minuti per i turnisti almeno su 15 ore (sostanzialmente solo gli H24);
36 ore per i radiomarittimi in turnazione.

Flessibilità in ingresso
Torino, Milano, Firenze, Roma, Napoli, Palermo e alcune altre sedi, disponibilità alle 9:30.
Franchigia mensile di 29 minuti, max 14 giornalieri (invariata).

Deroga alle 11 ore di riposo
Applicabile a interventi in reperibilità, in straordinario e flessibilità tempestiva (alternativo all'attuale regime).
Conferma 1/2 giornata o intera se alle 2:00 o 5:00 notturne.
Previsti riposi compensativi oltre le 13 ore di reperibilità o straordinario comprensive della fascia 2:00-5:00.
Esonero al turno successivo se turno antecedente ex art. 26 collocato in orario continuato.

Flessibilità tempestiva
Applicata per cambi release, immissione nuovi prodotti/ servizi, calamità.
Deroga alle 11 ore con orario continuato al turno precedente ed esonero del turno successivo.

Permessi solidali
Cedibilità a titolo gratuito e definitivo da 30' a 15°16' (2 giornate).
Per chi ha fruito l'intera spettanza di ferie e permessi.
fruizione da 15' a giornata intera.

Reperibilità
Razionalizzazione dell'indennità.
Riduzione durata minima reperibilità da 8 a 6 ore.
Compenso forfettario per interventi da remoto (liv. 1-5S).
Indennità di disponibilità passiva (liv. 6-7)
(Fistel-Cisl)


L'incontro sul 2 livello prosegue con l' informativa aziendale sui temi: orario di lavoro, flessibilità in ingresso, flessibilità tempestiva, riposo compensativo o reperibilità , permessi solidali.

Questo in relazione alla nostra piattaforma unitaria di 2 livello.
I temi saranno oggetto di riflessione da parte sindacale.
- Renderemo note le relative slides, appena disponibili.

*L'incontro è aggiornato* al 19/20 giugno.

Terminato incontro a Roma. Una tantum ci sarà, ma nella discussione sul 2 livello. Sull'art 4 ci sono 4088 uscite certificate (4995 domande) di cui 114 con gravi patologie. L'azienda sta chiamando gli interessati.
In merito al 2 livello l'azienda ha illustrato delle slides su orario di lavoro, reperibilità, flessibilità oraria e tempestiva.
Noi abbiamo ribadito la nostra piattaforma e l'importanza di affrontare le problematiche industriali, visto l'impatto della tecnologia.
Previsto nuovo incontro il 20 giugno, se a quella data sarà stato ricomposto il coordinamento nazionale rsu, azzerato dalle nuove elezioni delle rsu.
(Slc-Cgil)


16:50
Si incomincia a discutere la PARTE NORMATIVA:

ORARIO DI LAVORO - 38 ore e 10 min e 37 ore e 40 min per un arco orario giornaliero pari ad almeno 15 ore - 36 ore per per h24 e servizi radiomarittimi

FLESSIBILITA IN INGRESSO - orario base ingresso sino alle 9,30 VALUTANDO ESTENSIONI +per i TURNISTI 29 min di ritardo 14 giornalieri

DEROGA AL RIPOSO GIORNALIERO 11 ORE - Regola inderogabile

FLESSIBILITA' TEMPESTIVA - superamento dell' attuale regime con misure compensative

Sull'art. 26 comma 2 per la FISTEL CISL c'e UN ABUSO, SIAMO ANCORA DISTANTI RISPETTO ALLE NS RIVENDICAZIONI SINDACALI.

PERMESSI SOLIDALI

REPERIBILITA' - OBIETTIVI DI AVANZAMENTO
(Fistel-Cisl)


16:30
Azienda ha dichiarato che è disponibile ad elargire una tantum sulla mancata erogazione del PDR legandola però alla contrattazione di II livello.
Le risorse che sono a disposizione dell'azienda per contrattazione II livello (potrebbero essere anche welfare) lo si può utilizzare per una tantum.
Intervento SNATER: quello che abbiamo chiesto in maniera assordante è l'erogazione di una tantum, al di fuori di ogni trattativa.
(Snater)


16:20
4995 domande aquisite:
4088 hanno i requisiti x partecipare all'uscita 2025 di cui 188 x gravi patologie di salute.
Inps sta iniziando a girare le certificazioni (circa 800 ad oggi) e l'azienda appena arriva la documentazione, contatta immediatamente i lavoratori soprattutto quelli che escono a giugno 2019.
La graduatoria che utilizza l'azienda è quella di far uscire i lavoratori con minor permanenza in isopensione (ossia quelli a cui manca meno x andare in pensione).
(Snater)


16:00
Pdr: c'è volontà aziendale di venire incontro alle richieste sindacali. Modalità e tempistiche di erogazione dell'importo a ristoro del mancato riconoscimento del premio saranno oggetto di discussione nell'ambito dei prossimi incontri sul 2 livello
(Slc-Cgil)


Ora la Direzione Nazionale di Tim torna sul 2° livello aziendale e, anche con il supporto di slides, inizia l'illustrazione di alcune parti normative, partendo da quelle riferite all'Orario di lavoro ed alla Flessibilità in ingresso, secondo i propri desiderata. E' solo l'inizio della discussione che, come detto precedentemente, si protrarrà nei prossimi incontri di Coordinamento.
(Fistel-Cisl)


15:40
Saranno necessari più incontri per definire il nuovo secondo livello. La delegazione sindacale chiede che possibilmente vengano calendarizzati a stretto giro e suddivisi per argomenti.

Tim fa ora il Punto su ISOPENSIONE: 4995 domande ricevute di cui 4088 hanno i requisiti per aderire all'Art.4.

377 domande formulate per gravi patologie di cui 188 hanno i requisiti per uscire volontariamente (di questi 114 potranno uscire a giugno). Altre 27 posizioni ad oggi non sono ancora certificate da Inps

ISOPENSIONE - In questi giorni è iniziata la fase informativa verso le persone che, in possesso dei requisiti, sono interessate all'uscita di giugno 2019.

Tim inizierà quindi a contattare queste persone, in caso di eventuali rifiuti si andrà di seguito, a scorrimento, per anzianità (quindi uscirà prima chi è più vicino al traguardo della pensione cioè chi, vista al contrario, passerà meno tempo in isopensione),

Terminata la fase di giugno, si guarderà alla fase di novembre percorrendo gli stessi passi.

Identico iter previsto per il 2020.

Come principio generale Tim non contatterà chi non è risultato in possesso dei requisiti. Per capirci, non verranno contattati tutti i 4995 colleghi che hanno inoltrato la domanda. Se qualcuno degli "esclusi" entrerà in possesso dei requisiti all'isopensione il prossimo anno, dovrà inoltrare nuova domanda nel 2020.
(Fistel-Cisl)


ISOPENSIONE 4995 domande ricevute, di cui 4088 con i requisiti di pensionamento nel biennio. Ad oggi ricevute da INPS solo circa 900 certificazioni.
Per gravi patologie 377 domande ricevute, di cui 188 ammesse dalla commissione medica (114 usciranno a giugno)
(Slc-Cgil)


15:15
Si riprende dopo la pausa pranzo.
Dott.ssa Bellezza su Una Tantum richiesta dalle organizzazioni sindacali a seguito della mancata erogazione del Pdr.
Il Pdr non è stato raggiunto nonostante l'abbassamento del valore percentuale del gate d'ingresso sul parametro Ebitda e quindi non verrà erogato.
Detto questo, Tim vuole voltare pagina anche nella relazione con le persone, i tempi sono maturi per affrontare pure la contrattazione di 2° livello anche se l'imminente fase elettorale delle Rsu la rallenterà un pochino.
Voi, che rappresentate le persone, sottolineate che i lavoratori hanno comunque sempre contribuito all'affermazione dell'azienda e che quindi gli debba essere elargito un riconoscimento. C'è la disponibilità aziendale ad affrontare questo tema (Una Tantum) che riteniamo possa rientrare nella trattativa complessiva dell'integrativo per la quale Tim ha stanziato delle risorse.
Vedremo di trovare un equilibrio complessivo nell'ambito del 2° livello e della trattativa nella sua interezza. Nel prosieguo stabiliremo le eventuali modalità di erogazione (Welfare? Money?).
(Fistel-Cisl)


13:45
Presentazione slide: "Innovazione tecnologica e sviluppo di servizi innovativi" illustrazione aziendale su "Innovazione Tecnologica e Sviluppo di Servizi Innovativi", modifiche organizzative inerenti e definizione dei processi.
Impegno dell'azienda ad una seria riconversione professionale dei lavoratori e internalizzazione delle attività ad alta professionalità.
Pausa pranzo
ci si rivede alle 14.30.
Per ora non si è parlato di II livello
(Snater)


Dott.ssa Bellezza su Processo di riconversione professionale: numericamente diventerà molto più significativo da adesso in poi rispetto al passato. Tim individuerà le figure necessarie, la mappatura delle competenze è stata fatta (in fase di completamento in alcuni settori) ed il piano di riconversione, che dev'essere obbligatoriamente portato avanti dall'azienda a fronte di una rapida innovazione tecnologica, verrà avviato quanto prima. E' chiaro che non sarà facile, i colleghi dovranno essere disponibili a rimettersi in gioco, il cambiamento lo richiede. L'intenzione di Tim è sempre quella di valorizzare le proprie persone.
(Fistel-Cisl)


13:00
Al termine dell'illustrazione di Tim, seguono interventi della delegazione sindacale.
In sostanza, si sottolinea da parte sindacale che, ok l'innovazione e lo sviluppo tecnologico, strategici dal punto di vista aziendale anche per il mantenimento di una posizione consona sul mercato, ma, non si deve dimenticare, all'interno di tutta questa cornice, l'importanza che rivestono le lavoratrici ed i lavoratori di Tim.
Che si proceda per tempo, preferibilmente informando di pari passo anche le parti sociali, alla riqualificazione/riprofessionalizzazione dei colleghi le cui posizioni lavorative attuali possano in qualche modo risultare, nel breve periodo, meno utili a causa dello sviluppo tecnologico e dell'innovazione degli impianti che finiscono per abbattere drasticamente determinate tipologie di attività in alcuni settori aziendali.
Che si faccia una celere analisi, magari incrociando i dati emergenti con quelli relativi alle posizioni che si vanno a liberare a seguito delle uscite volontarie di colleghi in isopensione, che possono rappresentare ulteriori possibilità di reimpiego.
Ci si deve muovere per tempo, prevedendo anche tutta la necessaria formazione. E' un processo che si deve muovere di pari passo con lo sviluppo aziendale.
I lavoratori di Tim vanno sempre tutelati e lo devono essere anche sotto questo aspetto.
(Fistel-Cisl)


12:45
illustrazioni ordini di servizio vari
(Snater)


11:45
Apre la riunione la Dott.ssa Bellezza, Responsabile Nazionale RI di Tim: si procederà innanzitutto con argomento fuori o.d.g., illustrazione aziendale su "Innovazione Tecnologica e Sviluppo di Servizi Innovativi", modifiche organizzative inerenti e definizione dei processi. Vengono ora proiettate slides specifiche spiegate dal Responsabile Nazionale dello Sviluppo ed Innovazione tecnologica di Tim
(Fistel-Cisl)