INCONTRO SINDACALE DEL 18 GENNAIO 2018
TIM convoca il Coordinamento Nazionale Rsu e le segreterie di Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil ed Ugl Tlc su:
- Contesto di business
- Lineamenti strategici Tim 2018-2020
- Piano di gestione delle risorse umane.


- ore 14:30
Un piano aziendale che vada verso la digitalizzazione non ci spaventa e può essere condiviso, ma l’azienda deve riappacificarsi con i propri dipendenti *avviando la contrattazione di 2° livello con rimozione di ogni azione unilaterale intrapresa dall’azienda.* (Regolamento e Turni)

Nessuna pregiudiziale alle uscite volontarie in art. 4 o incentivate (*solo con opportune tutele del reddito pensionistico e un adeguato incentivo all’esodo ad oggi troppo basso*)

Nessuna pregiudiziale all’assunzione di nuovo personale *ma siamo contrari all’utilizzo della Solidarietà Espansiva.*

*Vanno accolte le richieste di trasformazione del rapporto di lavoro da Part-Time a Full-Time.*

*Le azioni aziendali non debbono avere ripercussioni negative sui lavoratori (vedi incidenza sul PdR).*

*Servono garanzie sul perimetro aziendale* (futuro della rete) *e del gruppo.*
(Snater)


- ore 14:15
Incontro terminato, ci si aggiorna. Seguiranno valutazioni ed approfondimenti di parte sindacale in vista della prossima riunione di Coordinamento (data da definire).
(Fistel-Cisl)


- ore 14:00
In linea generale le organizzazioni sindacali si dichiarano disponibili ad affrontare la discussione complessiva sperando che Tim possa evolvere davvero, affrontando concretamente le nuove sfide di mercato, garantendo futuro a se stessa e soprattutto ai suoi lavoratori. Evidenziano però le criticità principali emerse da quanto presentato dalla Direzione Nazionale aziendale, tra cui la grande novità della solidarietà espansiva. Strumento praticamente sconosciuto in Italia per il quale sono da mettere in campo tutte le verifiche del caso, con ogni cautela possibile. Contestualmente, si coglie l'occasione per sottolineare a Tim anche i problemi che da tempo sono aperti e che dovranno ottenere la giusta considerazione nelle fasi delle prossime discussioni (vedasi blocco passaggi di livello, contratto integrativo aziendale etc.)
(Fistel-Cisl)


Rsu Snater non d'accordo su Solidarietà espansiva
(Snater)


- ore 13:30
Parla ora VITO VITALE, SEGRETARIO GENERALE NAZIONALE FISTEL-CISL

Gli accordi degli ultimi anni hanno ridotto il potere d' acquisto dei dipendenti Tim. Anche in Tim c' è una situazione di difficoltà generale partendo dal clima. Manca la fiducia, il riposizionamento del gruppo Tim deve guardare anche ai più deboli. Questo nuovo piano è particolare: il nuovo progetto ha alcune positività ma deve essere rispecchiato in una azienda futura che vogliamo capire. Alcuni proprietari non dovrebbero portare una nuova mentalità in Italia. Va bene fare un accordo per chi esce ma è fondamentale capire bene l' accordo per chi resta. Il sindacato non ha mai fatto un accordo senza aver visto e capito il piano industriale. Anche noi come sindacato presenteremo la nostra piattaforma che ha una serie di attenzioni. La FISTEL-CISL vuole essere concreta e non mettere veti. Vitale fa notare che se l' azienda volesse andare avanti senza il sindacato licenziando, considerando la legge italiana, verrebbero licenziati i più giovani aumentando ulteriormente l' età media. Sulla solidarietà espansiva (ad oggi mai applicata da nessuno) dobbiamo capire i termini anche di natura economica. È' importante dare un contributo sindacale sui punti difficili, perché stare fermi non aiuterebbe Tim.
(Fistel-Cisl)


- ore 13:15

Finita presentazione dell'azienda

iniziano interventi sindacali


- ore 13:00

La gestione dell' art. 4 isopensione dovrebbe essere per il periodo 2018/2025 (5.200 colleghi che potrebbero sfruttare l' opportunità) + uscite volontarie (esodo incentivato) per i prossimi 3 anni (Max 2.500 colleghi) verrebbero messi sul piatto da Tim circa 28 mensilita' per gli esodi incentivati. Il tutto da concordare con le Organizzazioni Sindacali più rappresentativi. 
Sulla solidarieta' espansiva si dovrebbe partire dal 1 marzo 2018 per tutti con una riduzione oraria di 20 minuti al giorno, questo per permettere le assunzioni da luglio.
Ci sarebbero altre riqualificazioni da fare, oggi ce ne sono state 2.900 circa , nel prox triennio altrettante

Le 2000 nuove unità verrebbero assunte preferenzialmente con contratto di apprendistato ma questo può variare a seconda del profilo professionale richiesto. Circa 1000 compenseranno l'uscita dei colleghi più anziani, principalmente nel settore open access tecnici. Il resto sarebbe suddiviso nelle aree funzionali digitali e di business.
Viene ora illustrato il piano di formazione aziendale inerente la riqualificazione professionale delle persone in ottica competenze digitali.

(Fistel-Cisl)


AZIENDA CHIEDE UN ACCORDO ENTRO FINE FEBBRAIO ma senza accordo, intende procedere unilateralmente per arrivare comunque agli obiettivi che si è prefissata
(Snater)


- ore 12:45

Azienda ora dettaglia i 4 punti del Piano

orrebbero dal 1 marzo 2018:
Solidarietà Espansiva.
20 MINUTI giorno per 2000 assunzioni.
Tutta TIM interessata.
Equivale a 1g al mese circa

*4 suddivisioni*
400 in aree di servizi innovativi
(digitalizzazione)

200
Business tradizionali

360
reinternalizzazione attività a valore

1020 nuove competenze non riuscite ad esser trovate internamente
(Snater)


La gestione dell' art. 4 isopensione dovrebbe essere per il periodo 2018/2025 (5.200 colleghi che potrebbero sfruttare l' opportunità) + uscite volontarie (esodo incentivato) per i prossimi 3 anni (Max 2.500 colleghi) verrebbero messi sul piatto da Tim circa 28 mensilita' per gli esodi incentivati. Il tutto da concordare con le Organizzazioni Sindacali più rappresentativi. 
Sulla solidarieta' espansiva si dovrebbe partire dal 1 marzo 2018 per tutti con una riduzione oraria di 20 minuti al giorno, questo per permettere le assunzioni da luglio.
Ci sarebbero altre riqualificazioni da fare, oggi ce ne sono state 2.900 circa , nel prox triennio altrettante.

Entrando maggiormente nel DETTAGLIO:

Piano organici - corretto dimensionamento;

Risposta efficace sul piano competitivo - rafforzare le competenze digitali anche sul reimpiego del personale guardando anche all' esterno;

Valutazione del dato anagrafico (media 49 anni) - elemento da affrontare - operazione economicamente sostenibile anche in tempi congrui (variabile tempo non è secondaria);

STRUMENTI: DIMENSIONAMENTO ORGANICI ATTRAVERSO 2 OPPORTUNITÀ (Art. 4 legge fornero) ed anche offrendo esodi incenativati.

INTERNALIZZAZIONE DI ATTIVITA' / AUMENTO PRODUTTIVITÀ / NUOVE ASSUNZIONI (profili tradizionali e non) / REIMPIEGO PERSONALE

SOLIDARIETA' ESPANSIVA PER IMMISSIONE DI PERSINALE

FORMAZIONE CONTINUA E PER TUTTO IL PERSONALE (politiche inclusive)
(Fistel-Cisl)


- ore 12:30
Silenzio: parla Chiriotti (Organizzazione del Lavoro)
Staff 
Commerciale
Tecnologico

Staff: ottimizzare
(attività, personale)

Processi tecnologici:
Sinergie tra aree, infrastrutture, processi... digitalizzazione+automazione=ottimizzazione

Aumentare competenze
Rinnovare i Sistemi informatici
Innovare i processi e l'efficacia lavorativa dei dipendenti

ECCO I TRE PILASTRI DEL PIANO TIM

"corretto dimensionamento degli organici"

De PAOLI (RelazioniIndustriali) sta per arrivare al DUNQUE

Uscite volontarie
Internalizzazione
Solidarietà espansiva
Formazione

(Snater)


Parole chiave: SEMPLIFICAZIONE ORGANIZZATIVA e dei PROCESSI.
Snellire processi burocratici in ambito staff, commerciale, tecnologico. L' informatica e la digitalizzazione sono il futuro.
Innovation, Application management, utilizzo di automi, centralità del cliente con riduzione di attività manuali. Aumento delle competenze interne, rinnovare sistemi informativi e dei processi

Prende la parola il Dott. Depaoli, Resp. Naz. RI Tim che illustra le direttrici principali del Piano Organici. Obiettivi del Piano Organici: adattare le strutture al cambiamento richiesto dal mercato, adeguare le professionalità interne con particolare attenzione alle competenze digitali, realizzare il remix generazionale, garantire costi sostenibili, concentrare il piano di trasformazione principalmente nell'anno in corso (2018). Strumenti: uscite volontarie art. 4 legge Fornero ed esodi incentivati, internalizzazione di attività, riconversioni professionali, solidarietà espansiva per consentire nuove assunzioni a costi sostenibili, formazione per adeguare le competenze al mutato contesto tecnologico e di business.

Parla ora Dott. Chiriotti che si occupa di organizzazione del lavoro. Il nuovo Piano industriale introduce in maniera pesante rispetto al passato il tema della digitalizzazione. Si dovrà, in ottica di adeguamento dell'azienda alle esigenze del caso, proseguire nella riorganizzazione dei processi e nella semplificazione/razionalizzazione delle strutture organizzative. Si procederà ad una ottimizzazione/trasformazione complessiva nelle varie funzioni, tecnologiche, commerciali, staff, IT, wholesale etc.. Il Piano è in fase di sviluppo.

(Fistel-Cisl)


- ore 12:15
Prende la parola il Dott. Agostino Nuzzolo, nuovo Resp. Naz. RU Tim: dopo la presentazione personale delinea i punti che verranno trattati nell'incontro di oggi, aprendo ad un confronto trasparente con tempistiche possibilmente non troppo dilungate.
Tim inizia ora, con l'ausilio di slides, la presentazione dei dati sull'evoluzione del mercato delle Tlc (servizi sms, voce etc, ricavi del settore). Si sta andando verso un servizio digitale a 360°: non solo connettività ma servizi ed opportunità (sicurezza, entertainment, mobilità, etc.).
I ricavi delle Tlc in Italia, dal 2007 al 2016, sono in calo del 30% (Ebitda -29%).
Bisogna essere in grado di rispondere alla domanda sempre più impellente di servizi digitali da parte della clientela.
L'azienda deve quindi sapersi adeguare. Il Piano strategico di Tim sarà quindi incentrato sui seguenti punti:
centralità del cliente – evoluzione delle Reti smart (Ftth, SG, Security as a Service, Cloud, Big Data etc.) - impulso e priorità alla digital transformation – sviluppo convergenza per incremento business. 
Tim nel 2018-2020 dovrà difendere i ricavi aumentando la penetrazione dei servizi a maggior valore – serviranno agilità e flessibilità con particolare attenzione ai costi operativi ed agli investimenti- le persone e cultura aziendale che devono evolvere ed andare in questa direzione.
La sfida è importante e richiede scelte strutturali e strategiche.
(Fistel-Cisl)


- ore 12:00
Nuzzolo (HRO) definisce la nostra popolazione italiana e mondiale una Gigabyte Society (un'opportunità da sfruttare sempre più)

Nuzzolo: la priorità assoluta sarà la digitalizzazione

PIANO STRATEGICO:
1:Centralità CLIENTE
2:Reti Smart
3:Digital _transformation_ e _culture_
4:Convergenza Servizi

Reti più Smart e più virtuali

(Snater)


- ore 11:45
Iniziamo. De Paoli introduce Capo HRO Agostino Nuzzolo

Nuovo capo del Personale si presenta e parte con le Slide

Le Slide sono illustrate dal Responsabile Strategie Tim

Andamento utilizzo Rete Cliente: aumentano i dati e scendono voce ed sms

Calo del 30% delle TLC negli ultimi 10anni

Si è salvato chi si è ampliato nei servizi digitali su combattività dati

(Snater)


- ore 11:30
Inizio


- ore 11:15
Inizio teorico: ora RSU tutte presenti, in attesa rappresentanze aziendali...
(Snater)

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------