TELECOM ITALIA HA CONVOCATO IL COORDINAMENTO NAZIONALE RSU CON ORDINE DEL GIORNO:
- Ferie ex Accordo 11 giugno 2018
-
2° livello di contrattazione


ultimo aggiornamento ore 22:15

 

 

alle 21.40 un rappresentante dell'azienda ci ha comunicato (bonta' sua) che la riunione si era CONCLUSA CON UN NULLA DI FATTO!!
giorni e giorni di riunioni e dieci ore di oggi per comunicarci che tutto rimane come era prima!!
SIAMO BASITI!!
i lavoratori giudichino...

Bruno Brandoni
Snater


la riunione è finita. l'azienda è scesa per comunicarci che non ci saranno altri approfondimenti. la trattativa è rotta. Di fatto la prosecuzione della riunione ristretta è terminata senza accordo alcuno. Non conosciamo ovviamente i punti di caduta.
Cobas


Le proposte della commissione ( 2 giorni di riunione sic!!)sono state giudicate critiche soprattutto per le ore di EF in più ( richiesta 60 ore).

Quindi la proposta aziendale è:

40 ore di EF da fruire entro il 30 settembre senza programmazione.
Se non si consumano tutte le EF entro il 30 settembre ,entro il 10.10 si può concordare col proprio responsabile la fruizione del residuo di EF entro il 31.12.
(SALTEREBBE, di fatto, L UTILIZZO INDIVIDUALE DELLE EF ndr)

Se si finiscono tutte le 40 ore EF (32+8) entro il 30 settembre, in caso di necessitá verrebbero concesse ulteriori 8 ore a recupero (come permessi Tim mamma papà) da recuperare entro il 1° trimestre dell'anno successivo ( quindi nessuna regalia... una sorta di prestito)

Se le EF non si fruiscono entro l'anno di maturazione, il residuo va in un conto ore e verranno disposte COATTAMENTE dall'azienda entro il primo semestre dell' anno successivo, possibilmente da fruire a intere giornate.

Se la delegazione accetta proposta aziendale si prosegue sul tema della chiusura estiva obbligatoria di due settimane ed in seguito per tutto il resto...

Ore 21.00 ancora in attesa della fine delle consultazione interne dei sindacati confederali.
ore ed ore in attesa che si decidano ( riunione era iniziata alle 12)
i commenti li lasciamo ai lavoratori!!!!!!
Insomma dopo ore di NULLA ... si prepara la solita ciofeca!!

Bruno Brandoni
Snater


Dopo ore di ristretta (con SLC-FISTEL-UILCOM-UGL) l'Azienda ha incontrato le delegazioni di COBAS – SNATER – CISAL per comunicare gli avanzamenti. Nel corso della ristretta e nella impossibilità di discutere le proposte formulate dal tavolo l'Azienda ha fatto la proposta :
Il monte ore diventa 32 ore di EF più 8 ore di smonetizzazione 4 novembre. Fruizione libera fino al 30/09. In caso di residuo entro il 10/10 possibilità di pianificare con il responsabile la fruizione successiva entro il 31/12. L'eventuale residuo ( legato alla non fruizione) viene assegnato coattamente dall'Azienda entro il primo semestre dell'anno successivo.

Ulteriore pacchetto di 8 ore: PER CHI HA FINITO entro il 30/09 tutte le 40 ore di permesso vengono concesse ulteriori 8 ore di PERMESSI DA RECUPERARE entro il TRIMESTRE DELL'ANNO SUCCESSIVO.

Se la delegazione accetterà questa proposta, si proseguirà con la discussione sugli altri temi: LE DUE SETTIMANE DI CHIUSURA OBBLIGATORIA, le modalità di fruizione, la possibilità di diminuire a 15 minuti l'obbligo di fruizione.

A domanda precisa come mai l'Azienda è tornata indietro sull'intero pacchetto delle proposte e sulel aperture manifestate (non solo le 60 ore, ma anche alle 52) non c'è stata risposta.


Introduzione
L'Azienda sostiene che gli incontri odierni sono propedeutici alla contrattazione di secondo livello.
Gli accordi specifici come quello sulle Ferie/Permessi sono parte integrante del secondo livello.
Viene richiamato l'Accordo del 11 Giugno sul tema delle Ferie e Permessi.

La Commissione illustra la sua proposta:

Sulle Ferie 23 Giorni, con programmazione entro Aprile, con 3 fruizione di settimane entro ottobre. Individuazione meccanismi certi per le eccezioni. 1 sola settimana la chiusura collettiva. Con le eccezioni da verificare. Date certe di richiesta e conferma

PERMESSI INDIVIDUALI

La commissione illustra il percorso fatto : Inizialmente la proposta era 44 Ore e poi programmazione della quantità residua. Registrata la indisponibilità aziendale abbiamo percorso altra strada che per la SLC è difficile perché prevede la mancata fruizione da parte del lavoratore. Questa condizione l'abbiamo contrapposto ad un innalzamento delle ore a 60. Questa cifra concilia le esigenze aziendali con quelle dei lavoratori. La richiesta è mettere nero su bianco le modalità di richiesta e fruizione.

Abbiamo anche chiesto che si passasse dai 30 minuti ai 15 minuti con delle eccezioni da stabilire insieme.

La risposta dell'AZIENDA

Sulle Ferie l'azienda dice che la distanza è sulla chiusura di 2 settimana ad agosto. (livelli bassi di produttività da parte dei settori non operativi non legati alle persone ma alla tipologia del lavoro)

Sulle EF-PERMESSI. L'esigenza è la certezza della fruizione.
Che si può garantire in 2 modi:
- prima opzione Il CCNL al articolo 26 dice che si devono fruire entro l'anno. Elemento anche confermato nell'accordo del 11 Giugno (che i COBAS NON FIRMARONO). Da parte Aziendale c'è disponibilità a discutere esigenze legate alla necessità di permessi da parte delle persone. Ma non possiamo arrivare a portare permessi all'anno prossimo.
- Seconda opzione: decadenza con innalzamento ore. Due giornate per l'azienda sono un costo enorme. I più arditi si erano spinti fino a 52, ma 60 sono troppe.

L'Azienda è disponibile quindi ad avviare la trattativa per trovare la quadra.

A questo punto : La UIL chiede 20 minuti per arrivare ad una quadra unitaria. la SLC vuole fare una ristretta con l'AZIENDA senza coordinamento.
Cobas


🔴 Per quanto ci riguarda permangono distanze significative e importanti sulla tematiche ferie/EF, tra noi e l'azienda. Non ci sembra di riscontrare la disponibilità aziendale a fare passi avanti sostanziali. Ci chiediamo, a fronte di un regolamento aziendale unilaterale che, sul fronte delle EF, in particolare le anno -2 e le anno -1, non ha di fatto risolto alcun problema, perché gran parte delle proposte fatte da parte sindacale non vengano realmente prese in considerazione.🔴
.
🔍 Di seguito un rapido resoconto.
L'azienda comincia con lo specificare che l'incontro odierno è propedeutico alla contrattazione di secondo livello.
Viene richiamato l'accordo dell'11 giugno relativamente alle ferie ed i permessi. Questi argomenti dovranno essere discussi all'interno della contrattazione di secondo livello.

La commissione parte sindacale illustra la sua proposta:
FERIE
Ferie 23 Giorni, con programmazione entro Aprile, con fruizione di 3 settimane entro ottobre. Con la necessità di trovare meccanismi certi per la gestione delle eccezioni. 1 sola settimana la chiusura collettiva.
PERMESSI
All'inizio la commissione aveva proposto 44 ore e successiva programmazione della parte residua. A seguito del rifiuto aziendale è stata effettuata un altra proposta che innalzerebbe le ore di permesso a 60 ma a pena di decadenza se non fruite entro l'anno.
Riduzione del tempo minimo di richiesta EF da 30 a 15 minuti.

Risposta aziendale.
FERIE
Chiusura collettiva deve essere di 2 settimane in agosto, periodo di scarsa produttività di molti settori non operativi.
PERMESSI
La garanzia di fruizione entro l'anno è ottenibile con 2 opzioni:
1️⃣ - Il CCNL all'articolo 26 dice che si devono fruire entro l'anno. Elemento anche confermato nell'accordo del 11 Giugno. Si potranno discutere esigenze particolari per eccezioni ma la regola è terminarle entro l'anno.
2️⃣ - decadenza con innalzamento ore, però le 2 giornate in più proposte dalla commissione sono troppe.

L'azienda si dichiara disponibile a proseguire le trattative.
Slc-Cgil


Dopo gli specifici incontri della Commissione tecnica, svoltisi nei giorni scorsi, la delegazione sindacale apre l'incontro formulando alcune richieste all'azienda. Dette molto in sintesi, le principali:
- i giorni di ferie devono essere 23 a tutti gli effetti, senza distinzioni di sorta (21+2);
- la pianificazione delle ferie dovrà essere effettuata in aprile e non in febbraio/marzo;
- le ferie per chiusure collettive dovranno essere di una settimana al massimo;
- è necessario stabilire tempi certi per la convalida e la conferma delle ferie;
- sui PERMESSI: da una parte l'esigenza aziendale legata alla certezza della fruizione, dall'altra l'esigenza di conciliazione vita-lavoro. Proponiamo l'innalzamento a 60 ore di permessi individuali annui, senza programmazione. La mancata fruizione ne comporterà la perdita. Fruizione minima di 15 minuti e regole inerenti eventuali eccezioni.

Risposta aziendale, Responsabile Nazionale RI Dott.ssa Bellezza:
Le due settimane di ferie collettive sono state individuate perchè in quel periodo vi è una produttività bassissima, forse per l'assenza delle strutture adiacenti.
Fruizione totale delle EF, 2 soluzioni:
1-il CCNL cita la totale fruizione e l'11 giugno ha ribadito il consumo totale;
2-innalzamento delle ore, ad esempio 52, ma pesano sulla produttività
Abbiamo una soluzione per chi necessita di EF e le ha consumate tutte (permessi a recupero).

In questo momento una delegazione ristretta è riunita con Tim, successivamente si coinvolgerà nuovamente tutta la delegazione.
Fistel-Cisl


Ore 17...
Dopo la "ristretta" tra azienda-Cgil Cisl Uil e Ugl, si stanno tenendo le riunioni singole di quanto deciso con azienda tra segreterie di Cgil Cisl Uil e Ugl e loro Rsu.
Insomma: un teatrino inquietante.. .
...probabilmente dovremo rimanere per tutta la notte...
tutto cio' x le ef!?!?!? senza parole...
Snater


TIM - Sul tema EF / FERIE le Segreterie Nazionali sono in ristretta con la Direzione RU TIM per approfondire nel merito gli argomenti per trovare delle soluzioni...
Fistel-Cisl


È inaccettabile, essere presi per in giro in questo modo:
Convocazione per 10:30, inizio 12:30, sospensione ore 13.00.
Ore 14.30.... in attesa ancora...
Irrispettosi dei Lavoratori che rappresentiamo!
Snater