INCONTRO TELECOM ITALIA - COORDINAMENTO NAZIONALE RSU, SEGRETERIE NAZIONALI SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL E UGL TLC SU:
- prosecuzione esame congiunto art. 4 co. 5 Legge n. 223/91 Procedura licenziamenti collettivi avviata da TIM con nota del 27 luglio 2017;
- regolamento aziendale;
- esiti del gruppo di lavoro sugli orari Open Access ASO/ASA.


17:45
INCONTRI DEL 28 SETTEMBRE – NUOVI ORARI OPEN ACCESS

Nel secondo giorno di incontri si è parlato degli orari in Open Access. IN PARTICOLARE L'Azienda ha presentato i risultati del Gruppo di Lavoro costituito il 28 aprile con ordine di servizio (GRUPPO DI LAVORO POLIFUNZIONALE) composto da HRO e Open Access- Il GLP ha effettuato uno screening completo delle turnistiche in Open Access a livello nazionale e ha fornito anche dei numeri complessivi : Open Access (diretta da Filangieri) ha 18.500 persone, di cui AOA 14.700 persone, ASA 3200 persone. Ci sono 331 turni complessivi, 22 professionalità differenti, diversità territoriali (ad es. orario invernale/estivo, % turni sfalzati). Con questo tipo di lavoro il Gruppo ha provato a sistematizzare l'analisi della turnistica e delle esigenze con l'obiettivo di applicare questo metodo di analisi su tutta l'Azienda. L'analisi ha coinvolto tutta OPEN ACCESS. Un esempio illustrato riguarda i TOF: 42 turni, di cui il 99,6% concentrato su 12 turni articolati su 3 fasce (8,30-16,38/10,22-18,30/11,52-20,30).

L'Azienda sta completando l'analisi che determinerà poi alcune decisioni che investiranno tutta O.A. con un calendario progressivo che vedrà entro OTTOBRE la definizione di una razionalizzazione degli orari, l'eliminazione delle anomalie, l'eliminazione di turni obsoleti.

Come COBAS abbiamo innanzitutto ricordato che la turnistica in essere in OPEN ACCESS è il frutto di scelte aziendali unilaterali che hanno origine nelle scelte del vertice di OPEN ACCESS che sono ricadute sui lavoratori e sulle lavoratrici anche con le decisioni prese dalle AUTHORITY che hanno imposto il REMEDETION PLAN. Scelte che però si sono dimostrate subito sbagliate perché, secondo noi l'Azienda non ha voluto ascoltare le indicazioni e i suggerimenti delle delegazioni sindacali sia a livello territoriale che nazionale.

Va detto che tutte le delegazioni sindacali hanno espresso le stesse preoccupazioni e in alcuni casi richiesto la convocazione di commissioni tecniche paritetiche.

Abbiamo espresso la preoccupazione che la relazione del Gruppo di Lavoro avesse come diretta conseguenza quello di depotenziare i confronti territoriali con le RSU, seppur limitati dall'ART. 26 del CCNL. Su questo tema l'Azienda ha ribadito che il processo di revisione delle turnistiche arriverà entro la fine di ottobre e il mese di novembre e che resta fermo il confronto previsto con le RSU.

TURNI ASO ASA ( Presente la Linea Tecnica )

L'azienda ha contestualizzato le dinamiche hanno determinato le scelte turnistiche attualmente in vigore per la gestione degli SLA ripercorrendo le decisioni prese a febbraio 2016. L'azienda dice che nel REMEDETION PLAN ha incrementato il volume di attività MOS e con un processo di raggiungimento dell'obiettivo prefissato.

Il gruppo di lavoro ha evidenziato alcuni degli elementi sottolineati dalle delegazioni sindacali "da cui ne è discesa la proposta di modifiche" che in sintesi sono:

Riduzione incidenza TURNO 4 su HOME/OFFICE (9,50-18,28) – NESSUNA MODIFICA PER I CUSTOM

Riduzione al 28% dei turni al sabato in ambito Home (ma con aumento del turno di mattina)

Riduzione al 13% dei turni al sabato in ambito Office (ma con aumento del turno di mattina)

Introduzione del turno 3 BIS (9-17,38) che garantisce il rispetto delle 11 ore tra fine turno del gg e turno del gg successive

Eliminazione turno delle 8,30

Modifiche strutture MASTER in OPM delle ASA:

Per il gruppo Masteristi: dalle 07,30-20,00 alle 7,50-20,00 ed introduzione festivo ed fi dalle ore 9,00 alle 17,38

INTRODOTTO IL Turno part-time mamma L-D 9,45-15,28 per le mamme con figli in età prescolare per la durata di un anno (le caratteristiche sono le stesse applicate con l'Accordo del 2010 al 119)

La nostra posizione

Insomma dopo aver parlato della semplificazione dei turni presi in esame dal GRUPPO DI LAVORO POLIFUNZIONALE, la prima cosa che abbiamo ottenuto è stato un pareggio sul numero dei turni. (eliminato quello delle 8,30 introdotto quello delle 9,00)

Di certo c'è un miglioramento delle percentuali sui turni che finiscono alle 18,30 ma non c'è nessuna significativa diminuzione dei sabati, delle domeniche e dei turni fino alle 22,00. Senza sottovalutare che la disdetta degli accordi di secondo livello ha determinato una perdita economica rilevante.

Rimane il problema delle Festività che cadono in LL (per le quali tutte le delegazioni chiedono che vengano gestite con il RI), Resta la mancanza di dati sostanziali sul volume di traffico e la possibilità di verificare ufficialmente i dati sulle internalizzazioni.

Alle osservazioni delle delegazioni l'azienda risponde proponendo la costituzione di una "COMMISSIONE RISTRETTA" per affrontare questioni di natura esclusivamente tecnica alla quale ritiene debbano partecipare SLC-FISTEL-UILCOM-UGL con aggiornamento alla prossima settimana.

Con i delegati SNATER abbiamo formulato la proposta di far parte della commissione tecnica o che fossero i membri del Coordinamento Nazionale RSU a formare la delegazione tecnica. La SLC ha sostenuto questa tesi e cioè che il lavoro di approfondimento potesse essere svolto da una commissione ristretta definita tra il COORDINAMENTO NAZIONALE. Ha anche richiesto una serie di approfondimenti tecnici che poi possano dare.

A questo punto è iniziato un teatrino su chi avrebbe potuto essere all'interno della "commissione" :

Per l'Azienda la commissione pur avendo una funzione agile avrebbe dovuto essere composta dai membri delle OO.SS. Firmatarie del CCNL trovando in questa posizione il sostegno di alcune OO.SS.. Dopo una ampia discussione che ha rasentato il ridicolo L'Azienda ha deciso di riconvocare il Coordinamento Nazionale il 4 OTTOBRE per gli approfondimenti tecnici.

Alessandro Pullara - Pietro Cannistrà

Delegati Cobas al Coordinamento Nazionale RSU


14:30
Orari ASO - ASA

attuali turni
contesto di riferimentoridefinizione orariproposte turniPart time Mamma

Per gestire gli "SLA giornalieri" e gli "SLA ad ore" per servizi Retail e Wholesale l'azienda aveva la necessità di lavorare il Back Office entro le 2 ore dal lunedì alla domenica compresi i festivi.

Il monitoraggio dei risultati vede un notevole miglioramento degli obiettivi e delle lavorazioni internalizzate.

Home e Office

riduzione incidenza turno 4 (9:50-18:28)introdurre un turno 3 bis (9:00 - 17:38) che risolve il problema delle 11 ore di riposo rispetto al turno sucessivoNessuna sostanziale modifica per Custom

Masteristi OPM : oltre al presidio lunedì - sabato (da 7:30 -20:00 a 7:50-20:00) introduzione presidio domenica e festivi (09:-17:38)

Introduzione Part Time Mamma : Lunedì-Domenica e Festivi 9:45-15:28

Per SNATER le proposte aziendali, per la modifica di turni applicati UNILATERALMENTE, non tengono conto della richiesta di ridurre-abolire i turni serali e domenicali-festivi, ridurre pausa pranzo nei turni centrali meglio se con introduzione di una flessibilità e rispettare il lavoratore che si trova con LL coincidente con il Festivo permettendo lo spostamento o riconoscendogli 1/26 come era prima.

L'azienda vuole incontrare una delegazione ristretta composta al massimo di 12 componenti esclusivamente di cgil,cisl,uil e ugl.

SNATER e Cobas hanno nuovamente richiesto di poter far parte della composizione ristretta ma l'azienda ha ancora una volta negato la nostra partecipazione.

La segereteria SLC ha sostenuto la nostra richiesta. INVECE LA UIL piuttosto che allargare la riunione ristretta a tutte le organizzazioni, ha proposto di convocare tutto il coordinamento. Fistel non non pervenuto.

QUINDI ALLA FINE NIENTE RIUNIONI RISTRETTE MA RIUNIONE DI TUTTO IL COORDINAMENTO.

BENE COSI!!

Il coordinamento verrà riconvocato il 4 ottobre sia per verifica tecnica turni ASA e prosecuzione procedura 223.

Ad oggi 9100 adesioni lavoro " agile".
(snater)


13:20
Numerosi interventi delle OO.SS. che, sintetizzo molto, sottolineano l'importanza di ASA e dei suoi lavoratori e giudicano complessivamente negative ed insufficienti le proposte aziendali.
FISTEL-CISL, Corradini: sui turni serali non c'è mai stata una rivisitazione, ne per tecnici on-field ne per Asa, nonostante la serie di incontri territoriali e nazionali di questi anni. Anche in questo caso, tutte le richieste sindacali sono state prese in considerazione poco o nulla. L'azienda dovrebbe ricordare che per raggiungere i propri obiettivi ha bisogno delle persone, le quali, logicamente hanno esigenze che non bisogna dimenticare (da rivedere anche il discorso LL - Festività). Si potrebbe anche su Asa ragionare con una commissione nazionale che porti però risultati rapidi, concreti e positivi per i lavoratori.
(fistel-cisl)


13:00
L'incontro si è aperto con l'illustrazione aziendale delle risultanze delle analisi del Gruppo di Lavoro Aziendale rispetto agli orari Open Access: AOA e ASA.

Hanno:

analizzato gli orari
rivisto gli orari in ottica di semplificazioneideato una nuova modalità di comunicazione delle variazioni orarie

Open Access conta 18.500 persone : AOA 14.700 e ASA 3.200 sono le persone coinvolte da turni

In Open Access ci sono 331 turni complessivi e 22 mestieri diversi coinvolti da turni con specificità diverse in base al territorio

L'azienda ha creato una base dati con tutti i turni, ha svolto un'analisi sull'esistente evidenziando applicazioni difformi al previsto e sta provvedendo a snellire i codici turni che possono essere ricondotti alla stessa prestazione di lavoro.

Attualmente l'azienda sta valutando con le linee la possibile semplificazione della turnistica pur tenendo conto della produttività che degli impegni con enti esterni.

Una volta definite le esigenze aziendali l'azienda procederà con i necessari percorsi di relazioni sindacali che probabilmente si svolgeranno tra fine ottobre e novembre 2017.

Ora si prosegue con illustrazione Turni ASO- ASA
(snater)


12:30
Continua la spiegazione dell'azienda su ASA. L'introduzione delle nuove coperture ha portato ad un miglioramento su tutti gli indicatori retail e olo e ad internalizzazione di attività.
L'azienda elenca ora le richieste ricevute mesi addietro dalle OO.SS. fecero a Tim
togliere turno 4 dalle 09.50 18.28
riduzione turni sabato e domenica
riduzione turni serali soprattutto sabato e domenica.
Ora vengono illustrate le proposte aziendali sui nuovi orari
Proposte Tim per nuovi orari ASA Home
Riduzione incidenze turno 4 (da 17 a 9 volte anno)
Introduzione turno 3bis 09.17.38 che garantisce il rispetto delle 11 ore tra fine turno gg e inizio turno del giorno successivo.
Riduzione incidenze turno sabato (da 15 a 11 volte anno)
Proposte Tim per nuovi orari ASA Office
Riduzione incidenze turno 4 (da 33 a 16 volte anno)
Introduzione turno 3bis 09.17.38 che garantisce il rispetto delle 11 ore tra fine turno gg e inizio turno del giorno successivo.
Riduzione incidenze turno sabato (da 7 a 5 volte anno)
Nessuna sostanziale modifica prevista nei Custom.
Proposta per orari Masteristi OPM:
modifica presidio strutture master in OPM , da lun-sab 07.30 – 20.00 a lun-sab 07.50 – 20.00 con introduzione presidio alla domenica e FI dalle 09.00 – 17.38.

Dott. Depaoli, Resp. Naz. RI Tim: oggi è stato fornito un quadro chiaro sul quale ci muoveremo; ottobre e novembre saranno mesi importanti dal punto di vista delle relazioni industriale.
Parla ora Dott. Paolo Chiozza, Resp. Assurance in Open Access, in merito agli orari di lavoro in ASA.
Dopo una breve premessa, il discorso viene lasciato ad un collaboratore che illustra i turni attuali e le motivazioni che hanno spinto l'azienda all'introduzione degli stessi (copertura richiesta da Agcom, richieste del mercato Tlc, raccordo attività con altre funzioni, Sla etc.).

Interventi delle varie OO.SS.
Poi, in sintesi, per FISTEL-CISL Nazionale, Corradini Matteo: Ringraziamo per quanto illustratoci e per il lavoro svolto dal gruppo. Dobbiamo però parlare di ciò che interessa concretamente ai lavoratori e cioè i turni.
Il tempo passa velocemente e sulle turnistiche pesanti, per esempio in ASA, non è ancora stata messa mano. Noi, se può aiutare in tal senso, siamo disponibili a partecipare a commissioni nazionali specifiche che possano agire rapidamente ed in modo concreto.

Prende la parola la Responsabile Nazionale Organizzazione Operation Dott. Francesca Stacchiotti che espone nel complesso il lavoro del gruppo Tim sugli orari di lavoro Open Access: la base da cui si è partiti, il contesto di riferimento, le analisi effettuate, le conseguenti valutazioni, gli obiettivi finali, il processo di ridefinizione di orari/turni, le Funzioni coinvolte. Lavoro del gruppo che non è ancora terminato ma che è in fase conclusiva.
In O.A. (circa 18500 risorse) sono attualmente presenti 331 turni differenti, alcuni dei quali utilizzati in modo differenziato a seconda dei territori.
E' quindi necessaria una razionalizzazione degli stessi, senza impattare in modo negativo sulle attività operative, tenendo sempre conto delle esigenze legate per esempio a vincoli regolamentari imposti dalle Authority (presidio degli Sla etc.).
(fistel-cisl)


Vari interventi sindacali
E così... dopo due ore di interventi sindacali... l'azienda prende la parola e ripete:
"L'organizzazione del Lavoro è una leva unicamente in mano all'azienda"
(snater)


10:30
presentazione slides


10:30
Azienda fa solito discorso di premesse e presupposti.....
i ritocchi alle turnazioni arriveranno un po' a tutti i turnisti open access...
(snater)


10:15
inizio seconda giornata


23:15
APPUNTI PRIMA GIORNATA DI INCONTRI

Dopo gli incontri del 1 Agosto e del 12 Settembre, si è svolto il 27 Settembre il terzo incontro fra Azienda e Coordinamento RSU per la discussione sulla procedura di mobilità per i 382 esuberi. L'azienda dopo aver esposto, nello scorso incontro, i numeri e gli scenari che hanno portato alla definizione degli esuberi, entra ora nel merito degli strumenti che accompagneranno le procedure, ripetendo anche che utilizzerà il criterio di non opposizione, cioè la volontarietà di aderire ad un licenziamento alle condizioni che esporranno:

Primo blocco di strumenti di accompagnamento sono:

Dal 2015 l'indennità di mobilità è stata sostituita dalla NASPI che è uno strumento diverso equivalente ma che ha delle regole diverse: 24 mesi di durata, commisurazione del intervento economico nei primi 4 mesi pari al 75% dell'ultima retribuzione e per il restante 25% la concessione di un DELTA purché non sia superiore a 1195 euro. Per ogni mese calo di 3% fino alla fine dei 24 mesi)

A sostegno di questa scelta l'Azienda pone due forme di sostegno e "incentivazione":

PRIMA FORMA Per le persone che non agganciano la Pensione o che maturano la pensione nel corso dei 2 anni. L'azienda prevede di dare un importo legato alla differenza tra quanto riconosciuto dalla NASPI e lo stipendio fino all'80% per tutti i 24 mesi. Assicurata la contribuzione figurativa. La disponibilità della Azienda permane fino al 31 Dic. 2018.

Seconda FORMA: chi ha già maturato il diritto a pensione o lo maturerà entro il 31/12/18 potrà essere accompagnato da un importo di 3-5 mesi che comprendono la indennità di preavviso.

Inoltre per garantirsi le uscite volontarie l'azienda inserisce una TERZA PROPOSTA e riguarda l'ART. 4: Ci sono diverse persone che non hanno manifestato intenzione d'aderire all'ISO pensione dato che le cifre sono piuttosto basse. Per tanto per coloro che maturano i requisiti ISO PENSIONE – ART. 4 entro il 31/12/17, l'Azienda propone di verificare il livello di ISO PENSIONE e se questo dovesse essere inferiore al 60% della retribuzione (ci sono alcuni casi) l'Azienda offre in forma di capitale una copertura alternativa che garantisca almeno il 60% della retribuzione stessa, compresi i contributi. Le persone interessate si dovranno dimettere per avere diritto a questo tipo di trattamento e non potranno avere il riconoscimento della NASPI.

La FISTEL-CISL nel suo intervento chiede più risorse economiche per finanziare queste proposte.

UILCOM – Non facciamo prenderci dalla frenesia, i tempi di chiusura della procedura scadono a fine ottobre. Per tanto chiedono di approfittare di tutto il tempo a disposizione. Le cifre per ora proposte sono irrisorie.

UGL: il Ventaglio di offerte non è sufficiente.

SNATER: Si riserva di verificare domani nel corso dell'incontro con le Segreterie. Scompare la possibilità di ampliare di un anno l'ART 4. Chiede quali sono le previsioni di quante persone potrebbero uscire.

SLC – CGIL dice che sostanzialmente il quadro non è cambiato rispetto al precedente incontro. Si discute delle cifre con le quali l'Azienda contribuisce all'uscita delle persone, ma non si discute delle questioni generali.

Per l'Azienda le cifre sono modificabili, ma l'Azienda vuole arrivare alla chiusura anche prima della data indicata dalle normative di legge. Per cui concede un rinvio.

REGOLAMENTO AZIENDALE - ESAME CONGIUNTO
L'Azienda deve attendere alle disposizioni del giudice. Il nuovo regolamento verrà pubblicato nel mese di ottobre.

Sul versante economico, l'Azienda riporta indietro le lancette dell'orologio e dal primo novembre entreranno in vigore. Sulle corresponsioni avvenute nel periodo intercorso tra il pronunciamento del giudice e le cifre erogate, la Azienda attende l'esito del ricorso che ha presentato.

FLESSIBILITA' IN INGRESSO – Orario base personale non turnista
Flessibilità in ingresso 8-9 con eccezione di Roma, Milano, Napoli Torino Palermo Genova Bologna Firenze (8-9,30) Santa Palomba e Pomezia fino alle 10,00

ASSENZE INGIUSTIFICATE
Sono ritenute assenze ingiustificate: Ingressi successivi alla fine della fascia di flessibilità, tutte le uscite anticipate. la ripresa del servizio dopo i termine massimo fissato dall'intervallo meridiano

INTERVALLO MERIDIANO
per il Personale 1-5S formalizzato che se non si timbra inizio e fine mensa diventa 1 ORA

ATTESTAZIONE PRESENZE 6-7

Il personale è tenuto ad attestare una sola presenza quotidiana normalmente all'inizio della attività lavorativa con compensazione dell'orario settimanale. Confermato monitoraggio aziendale sugli orari.

ATTESTAZIONE DI SERVIZIO
Attestare la uscita di servizio per il personale 6-7-7Q. inserimento giustificativo di servizio anche per gli spostamenti da/verso sedi non aziendali o non dotate di rilevatori.

INFORMATIVA EX-ARTICOLO 4 Informativa relativa alla registrazione accessi e presenze di cui art. 4 comma 3 L.300/70

PERMESSI ANNUI RETRIBUITI

Confermate le 2 giornate di BONUS per l'anno incorso e l'anno futuro. La fruizione dovrà avvenire nel primo semestre anno successivo. Bonus riconosciuto se il dipendente fruirà di almeno del 75% della spettanza annua dei permessi ovvero che ne programmerà la fruizione entro il 30 settembre con effettivo godimento 31 dicembre.

PAUSA MENSA: minimo 25 minuti

PERMESSI SOLIDALI Dal mese di ottobre sarà possibile donare i permessi al collega che potrà accettarle.

LAVORO AGILE Introduzione delle norme relative al lavoro agile

TRASFERTA
Fuori provincia 6-7-7Q rimborso riconosciuto solo in caso di pernottamento
15 euro forfettarie per ore viaggio fuori provincia
60 minuti pausa pranzo

VISITE MEDICHE, CURE AMBULATORIALI, ACCERTAMENTI CLINICI, ANALISI DI LABORATORIO
Al COMPETENCE TEAM deve inserire il permesso RICHIESTA VISITA MEDICA insieme al modulo firmato per presa VISIONE dal responsabile.

Le voci non precisate in questa esposizione restano immutate.
(cobas)


18:15
fine incontro, riprende domani giovedi 28


18:00
EF: da novembre 2017 sarà eliminata la possibilità di fruirne a "semiturno" ma sarà introdotta la possibilità di fruirne anche a minuti, per un quantitativo superiore a 30 minuti.
Per esempio: potrò prendere 38 minuti per uscire alle 16 in turno base (EF dalle 16.00 alle 16.38)
(fistel-cisl)


17:45
Torniamo ai ritocchi al Regolamento
Sabrina Saccarola interviene sulle modalità aziendali di gestione del Personale da parte dei vari responsabili, in merito alle pressioni su come è quando oltre che quanto (eF)
Da novembre, le eF oltre i 30 minuti saranno ad effettivi minuti
Da ottobre 2017 sarebbero poi possibili i permessi Solidali (cedere al collega bisognoso parte delle eF)
Introduzione del Lavoro Agile
Trasferte: confermato trattamento economico
(snater)


17:30
Regolamento aziendale.
A seguito della sentenza di primo grado sull'art.28 (condotta antisindacale) intentata da Slc-Cgil nei confronti di Tim, sul quale l'azienda farà ricorso, il regolamento aziendale tornerà a quanto era previsto nella prima stesura, datata 1 febbraio 2017.
Verrà ripubblicato ad ottobre 2017, con validità da novembre 2017, e sarà inviato a tutti i dipendenti.
La parte economica rimarrà quella prevista l'1 febbraio 2017 mentre, sul versante normativo e gestionale, sempre partendo dal regolamento del 1 febbraio scorso, si coglierà l'occasione per qualche aggiornamento/puntualizzazione.
Per esempio:
Orario flessibile in ingresso sarà 08.00-09.00 per tutti ad esclusione delle quattro cosidette "grandi città" a cui si aggiungeranno le città con più di 350.00 abitanti (Palermo, Genova, etc.).
Attestazione uscite/ingressi per servizio anche per liv. 6 e 7, ad esclusione di venditori, progettisti e personale che opera pressoché costantemente all'esterno.
Permessi individuali retribuiti: confermate le due giornate di bonus (da fruire nel primo semestre dell'anno successivo) legate all'esaurimento del conto ore individuale (anni -2 e -1) più ulteriore giornata di bonus per chi usufruisce del 75% delle EF anno in corso.
(fistel-cisl)


17:20
Flessibilità oraria tra le 8 e le 9 estesa anche a Palermo Genova Bologna e Firenze Fino ore 9:30
Fermo restando le sedi romane disagiate che da sempre sono confermate fino alle ore 10:00

RIASSUNTONE
ESUBERI:

Criterio di Non Opposizione : volontarietà da parte del lavoratore di aderire ad un licenziamento.

Soluzioni proposte dall'azienda per l uscita di 382 lavoratori:

Fuoriuscite con possibilità di percepire la NASPI ( ex mobilita') con un contributo aziendale oltre all'assegno Naspi che coprel'80% dello stipendio per 24 mesi . Opzione valida fino al 31/12/2018Licenziamento per coloro che hanno i requisiti per la pensione: 3/5 mesi di retribuzioneper chi matura i requisiti per aderire all' art.4 legge Fornero entro il 31/12/2017 ma che abbia una corresponsione inferiore del 60% della retribuzione, l'azienda propone una soluzione alternativa all'art.4 che prevede il versamento aziendale ,in forma di unica soluzione, il 60% della contribuzione per 4 anni + il pagamento dei contributi figurativi

Le RSU SNATER si riservano di analizzare nel dettaglio le proposte aziendali durante l'incontro con la Segreteria Snater che si terrà domani mattina.
(IN QUELLA SEDE L'AZIENDA NON POTRA' FARE A MENO - per legge- DI ACCETTARE LA PRESENZA DELLA SEGRETERIA SNATER E DEL SUO SEGRETARIO)

COMUNQUE
QUELLA DI OGGI RIMANE UNA PAGINA TRISTE PER IL COMPORTAMENTO DELL'AZIENDA.

AI LAVORATORI OGNI ULTERIORE COMMENTO
(snater)


17:15
Depaoli in risposta alle osservazioni delle OO.SS.: stiamo mettendo in trasparenza delle ipotesi di soluzione che spesso si gestivano one to one, azienda - lavoratore. Dobbiamo arrivare a fine anno con una situazione ottimale degli organici, senza utilizzare strumenti traumatici. In linea di massima crediamo di aver proposto soluzioni estremamente interessanti. La trattativa non si conclude oggi e le cifre non sono immodificabili, ma sono pre conclusive, ci auguriamo di chiudere presto la procedura. Non è nostra intenzione di andare in sedi istituzionali. Sul tema ci si riaggiornerà quanto prima.
(fistel-cisl)


17:05
Dopo vari interventi, ora parola torna all'azienda che chiude e lascia altri giorni di riflessione sul tutto ma non lascia immaginare aperture
secondo argomento Regolamento aziendale
Premesso che Tim deve riportare Regolamento come da indicazione del Giudice ma integrato con alcune parti di "arricchimento"
Nuovo Regolamento: a decorrenza 1mo ottobre 2017
Alcune parti decorreranno dal 1mo novembre 2017
Punto per punto con slide che riassumono il nuovo Regolamento
(snater)


17:00
Sabrina Saccarola interviene e premette, ribadendolo, che è stato un errore allontanare il segretario Snater Bruno Brandoni
Sabrina Saccarola prosegue l'intervento comunicando che, come per altre sigle, anche per noi Rsu Snater il pacchetto di incentivi economici messo in campo da Tim non può essere considerato adeguato
Valuteremo eventuali rilanci aziendali, nel frattempo seguono precisazioni e chiarimenti
(snater)


16:45
Dott. Depaoli: L'azienda chiarisce la propria posizione in merito. Le motivazioni che hanno spinto all'apertura delle procedure si basano sostanzialmente sul fatto che gli strumenti di esodo (mobilità + art.4 Fornero) messi in campo con gli accordi del 2015 non si sono dimostrati efficaci come si credeva. Si vuole così giungere ad una intesa che tenga conto della "non opposizione" ossia della volontarietà del singolo ad accettare il licenziamento. Tim vuole incentivare le uscite intervenendo direttamente in aggiunta a strumenti percorribili, diversi e non sovrapponibili (l'interessato sceglierà quello che riterrà più idoneo), che sono:
-1- NASPI, equivalente alla vecchia mobilità ma con regole differenti (max 24 mesi, di cui i primi 4 con assegno pari al 75% dell'ultima retribuzione percepita, ed i rimanenti mesi a scendere del 3% per ogni mese, purchè non superiore a 1100 euro). Nel caso, l'azienda coprirebbe con ulteriore assegno che possa garantire al lavoratore l'80% dell'ultima retribuzione percepita per tutti i 24 mesi. La disponibilità dell'azienda ad intervenire in tal senso, permane sino al 31 dicembre 2018.
-2- Chi ha già raggiunto i requisiti della pensione, o la raggiungerà entro fine anno 2018, potrà uscire da Tim con un sostegno ulteriore messo a disposizione dall'azienda che va dalle 3 alle 5 mensilità, preavviso compreso.
-3- Soluzione alternativa all'art 4 Fornero per chi matura i requisiti dell'Isopensione entro il 31 dicembre 2017: se il calcolo dell'assegno d'Isopensione da un risultato inferiore al 60% della retribuzione, Tim propone d'intervenire in forma di capitale garantendo il raggiungimento del 60% d'isopensione + la copertura contributiva.
(Giusto per capire, i numeri questione oggi sono grosso modo questi: 43 colleghi hanno requisiti pensione; 225 non hanno aderito alla mobilità del 2015; 112 hanno requisiti per l' Isopensione ma non hanno esercitato l'opzione.)

FISTEL-CISL, intervento Giorgio Serao, Segr. Nazionale: Condividiamo la volontarietà, il criterio di "non opposizione", ma riteniamo che gli elementi proposti dall'azienda siano insufficienti per incentivare i lavoratori all'uscita. Ciò che Tim è disposta ad aggiungere economicamente è poco rispetto a quanto già reso disponibile oggi dagli strumenti di uscita in essere. Invitiamo quindi l'azienda a rivedere al rialzo quanto propone.
Si prosegue con interventi delle altre Federazioni
(fistel-cisl)


16:30
Azienda espone vari casi possibili e menziona vari tipi di esuberi, per cercare di arrivare a ridurre al massimo (minimo) i licenziamenti (per non opposizione, per lo più)
(snater)


16:15
TIM dichiara che darà precedenza a volontarietà
o ora il capo di relazioni industriali sta illustrando le vie che attualmente sono percorribili dal lavoratore, alla luce delle nuove normative, naspi etc
Poi c'è chi ha già maturato diritto alla pensione o maturerà entro il 31 dic 2018, prevedendo accompagnamento
In base alle posizioni maturate dai colleghi prossimi alla pensione, l'azienda valuterebbe alcuni meccanismi di accompagnamento
(Snater)


16:00
Illustrazione metodo individuazione Personale interessato da Procedura esodo esuberi
(snater)


15:50
LO SNATER STIGMATIZZA L AZIONE DELLA TELECOM CHE HA FATTO USCIRE DALLA SALA RIUNIONI IL SEGRETARIO NAZIONALE SNATER BRUNO BRANDONI COLPEVOLE SOLO DI RAPPRESENTARE ALCUNE MIGLIAIA DI LAVORATORI.
QUESTO EPISODIO RINFORZA LE NOSTRE CONVINZIONI SULLA GIUSTEZZA DELLE NOSTRE POSIZIONI E CI RAFFORZA PER LE NOSTRE AZIONI FUTURE. (snater)


15:40
Entra Azienda
(snater)


15:05...
Cominciano ad avvistarsi dirigenti aziendali...
(snater)


inizio previsto ore 15:00