INCONTRO TELECOM ITALIA - COORDINAMENTO NAZIONALE RSU SU:
- regolamento aziendale: comunicazione dell'Azienda;
- procedura artt. 4 e 24 Legge n.223/1991;


*RIMANDATI A SETTEMBRE*
L'incontro di oggi è stato interlocutorio. Sul tema *contratto di secondo livello* l'azienda ha comunicato che a seguito della sentenza su art 28 a settembre comunicherà come sarà recepita. Ha comunicato che emetterà un nuovo regolamento che dovrebbe essere sulla falsa riga di quello di febbraio ma non ha escluso (anzi) che possa essere diverso. Non ha chiarito se procederà a recuperi/sistemazioni per quanto eventualmente erogato in questi mesi a seguito dell'applicazione dei vari regolamenti 'negoziati'. Si riserverà in somma di valutare e comunicate tutto a settembre. Come SLC abbiamo detto chiaramente che siamo pronti al confronto sul secondo livello. Per noi è inaccettabile un regolamento unilaterale e questa può essere l'occasione per un confronto su tutti i temi, in caso contrario proseguiremo nella lotta con ogni strumento a nostra disposizione. L'azienda ha chiuso, meno perentoriamente rispetto al passato, dicendo che è disponibile a un confronto su temi di secondo livello ma che va definito il perimetro degli argomenti così come definiti dalle regole sostenendo che non possono sovrapporsi a quanto stabilito nei regolamenti.
*ESUBERI* Rimandati a settembre anche sulla dichiarazione dei 382 esuberi. Si è infatti sottoscritto un verbale che congela la fase sindacale della procedura (che dura 45 giorni) che riprenderà il 12 settembre. Non si è entrati nel merito, è emerso solo che l'azienda ha aperto procedura perché gli strumenti concordati con cisl-uil-ugl per gestire gli esuberi che avevano certificato non stanno sortendo i risultati auspicati. La legge, in presenza di contratti di solidarietà inibisce licenziamenti coatti con i criteri di legge, quindi o si trova un accordo o non potranno procedere unilateralmente a licenziamenti. Ovviamente, essendo un 'di cui' dell'accordo separato su questo tema saremo molto poco disponibili.. Comunque se ne riparla a settembre.
*QUESTIONE RETE* Abbiamo provato a chiedere conto all'azienda di quanto sta avvenendo sui temi 'alti' (rete, governance, ecc). L'azienda si è trincerata dietro un generico 'il piano industriale è confermato' (certo!!). La Segreteria ha preso l'impegno di muoversi di concerto con la Confederazione per approfondire e produrre urgentemente una posizione su questa che è LA PARTITA!
Rimandati a settembre, quando si potrebbe aprire una discussione così come potremmo invece registrare un'ulteriore chiusura. Nella consapevolezza che da un momento all'altro potrebbe succedere di tutto (scorpori, nuove società ecc) e con la curiosità di vedere chi ci sarà dall'altra parte del tavolo. Perché quelli che c'erano oggi a rappresentare l'azienda potrebbero cambiare.

Slc-Cgil


Terminato coordinamento nazionale odierno!

L' azienda applicherà ciò che il giudice ha "sentenziato", ovvero che le MIGLIORIE ottenute da Fistel - Uilcom - Ugl tlc a fronte del dialogo che, ribadiamo sono state realizzate unilateralmente dall'azienda in quanto non esiste alcun Accordo, sono INEFFICACI.

Ciò comporta che il regolamento, quello con scritto" aggiornamento al 28 febbraio " viene superato 
e si ritorna al primo regolamento unilaterale datato 1 febbraio.

Fistel Uilcom Ugl tlc hanno dichiarato che le sentenze si rispettano ma contestualmente richiesto a TIM di NON dare luogo a retroattività relative alle dinamiche salariali intervenute in questi mesi a partire dal pagamento del mancato rientro "vecchio" per i mesi di febbraio - marzo - aprile ecc .. per NON danneggiare i LAVORATORI.

TIM infatti NON esclude che, a seguito di quanto indicato dal Giudice, ciò che è stato erogato economicamente e normativamente in questi mesi, come ad esempio il consolidamento o i permessi bonus debbano essere restituiti.

Tim durante il mese di agosto si riserva di effettuare tutte le verifiche legali sulla disposizione della sentenza ed ha dichiarato che presenterà opposizione al giudizio emesso dal tribunale di Roma.

A settembre convocherà il coord nazionale per comunicare come intende procedere nel frattempo, Fistel Uilcom Ugl TLC, hanno ribadito che occorre immediata chiarezza da parte di TIM, perché mentre riflette, occorre dare certezze applicative su cosa accade operativamente/quotidianamente alle normative che coinvolgono le migliaia di lavoratrici / lavoratori di TIM.

In merito alla procedura L. 223/91 relativa a 382 lavoratori, Azienda ha illustrato le motivazioni specificando che è una dinamica con NON opposizione ovvero volontaria. Le parti vista la tematica (licenziamenti collettivi) ed il Periodo "feriale" hanno convenuto la necessità di approfondire il tema e quindi di aggiornarsi il 12 settembre, percorso condiviso anche dalla Slc.

Infine su pressante sollecitazione di Fistel-Uilcom-Ugl entro la prima quindicina di settembre azienda ha preso l'impegno di convocare il coordinamento per discutere anche sui turni ASO ASA ( settore ormai di circa 3.500 risorse) per i quali é assolutamente necessario apportare delle significative modifiche!

Seguirà comunicato nazionale.

Fistel-Cisl Uilcom-Uil Ugl-Tlc


ore 16:00

incontro termina, fissata data del 12/13 settembre

(snater)


Azienda comunica buon andamento parametri economici

(snater)


pausa pranzo


ore 13e43:

Da ora si parla delle specificità per le Procedure di scivolamento verso la Pensione (licenziamenti riguardano Personale prossimo alla pensione) nell'ottica aziendale di un "ricambio generazionale"

seguono osservazioni sindacali su alcuni dettagli riguardanti le isopensioni etc

Azienda: "l'organizzazione aziendale é mutata. Il risultato dei prepensionamenti non sono quelli delle attese. 
382 unità sono in eccedenza (mobilità) di cui solo 105 hanno fruito dell'istituto. Anche l'art. 4 Fornero sono solo 1.051 (su 3.432 potenziali TIM+IT). L'obiettivo é ancora lontano. Pertanto é necessario intrvenire dividendo in tre fasce: chi matura i requisiti nel luglio 2017, chi nel dicembre 2018 e chi ha firmato per l'isopensione. Il meccanismo é quello della non opposizione con accordo".

Azienda propone una sospensione Procedura licenziamenti

tutto rimandato a settembre

(snater)


L'azienda fa riferimento alla sentenza decreto exArt28 del Giudice di Roma

Azienda intenderà impugnare la sentenza che la condanna a dialogare con TUTTE le rappresentanze sindacali

da oggi Tim tornerà al Regolamento emesso prima della negoziazione ritenuta illegittima dal Giudice di Roma, avvenuta solo con FISTEL UILCOM UGL

entro 15gg Tim farà comunque ricorso

Siamo in attesa del capo HRO, F.Micheli, visto che il Regolamento è stato emesso da HRO

SNATER 
intervento ore 11,55: "si invita al rispetto del Testo Unico e del Protocollo aziendasindacati" cioè rispetto del COORDINAMENTO NAZIONALE RSU e partecipazione di tutti i segretari delle OOSS, tra cui Bruno Brandoni di Snater Tlc

Snater, congiuntamente alle altre OOSS, chiede infine a TIM come procederà da oggi nei confronti dei dipendenti coinvolti dalle dinamiche scaturite già da un Regolamento ora cambiato nuovamente

Azienda risponde che secondo loro non ci sono mai state violazioni delle Relazioni industriali

anche altre sigle insistono con noi sul fatto che la Sentenza sia ispirazione se non indicazione per un sistema di Relazioni industriali e sindavali

l'Azienda dichiara che il Regolamento valido è quello precedente, fino a nuove contrattazioni (ma tutti stiamo spingendo per un Contratto aziendale e relativo Regolamento)

mentre tutti cerchiamo di capire come l'azienda gestirà le dinamiche già partite col regolamento aggiornato... alle ore 13 l'azienda passa al 2ndo punto dell'ODG...
un esame della Procedura di licenziamento collettivo già partita

(snater)


 11,27: inizia la Riunione